Nextville - logo

Approfondimenti

14 Ottobre 2020

Decreto 'Agosto' convertito in legge: novità a tutto campo per l'energia

(Filippo Franchetto)

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, entra oggi in vigore la legge 13 ottobre 2020, n. 126, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 (meglio noto come decreto "Agosto").

Abbiamo qui riassunto le novità che interessano più da vicino i settori delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica, includendo sia le disposizioni già previste dall'originario decreto-legge sia quelle aggiunte e/o modificate in fase di conversione in legge.


Incremento fondo efficienza e sostenibilità nei Comuni

Sono incrementate di 500 milioni di euro le risorse assegnate ai Comuni, per l'anno 2021, relative agli interventi di:

efficientamento energetico, compresi interventi volti all'efficientamento dell'illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e di edilizia residenziale pubblica, nonché all'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;

sviluppo territoriale sostenibile, compresi interventi in materia di mobilità sostenibile, nonché interventi per l'adeguamento e la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l'abbattimento delle barriere architettoniche.

L'importo aggiuntivo viene attribuito ai Comuni beneficiari, con decreto del Ministero dell'interno, entro il 15 ottobre 2020. Le opere beneficiarie di contributo possono essere costituite da ampliamenti delle opere già previste e oggetto del finanziamento da parte del medesimo fondo.

Viene prorogata al 15 novembre 2020 la data entro cui i Comuni beneficiari sono tenuti ad iniziare l'esecuzione dei lavori. Conseguentemente, è stata spostata in avanti - dal 31 ottobre 2020 al 15 dicembre 2020 - anche la data entro cui viene eventualmente disposta la revoca del contributo, in caso di mancato rispetto del termine di inizio dell'esecuzione dei lavori o di parziale utilizzo del contributo.

Vengono inoltre resi strutturali, oltre che incrementati, i fondi per le stesse tipologie di interventi sopra elencati, ma riservati ai Comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti.

Superbonus: definizione di "accesso autonomo dall'esterno"

Viene introdotta un'importante precisazione, che serve a meglio definire le tipologie di immobili che possono beneficiare della detrazione maggiorata del 110%.

Come sappiamo, infatti, questa viene concessa non solo per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali, ma anche per quelli sugli edifici unifamiliari e sulle unità immobiliari "che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno".

Ai fini dell'applicazione del Superbonus, viene ora precisato che "accesso autonomo dall'esterno" si intende" un accesso indipendente, non comune ad altre unità immobiliari, chiuso da cancello o portone d'ingresso che consenta l'accesso dalla strada o da cortile o da giardino anche di proprietà non esclusiva".

Superbonus: asseverazioni per interventi su parti comuni

Viene introdotta una novità che ha l'obiettivo di semplificare la presentazione dei titoli abitativi relativi agli interventi sulle parti comuni che beneficiano del 110%.

In particolare, si precisa che le asseverazioni dei tecnici abilitati in merito allo stato legittimo degli immobili plurifamiliari, nonchè i relativi accertamenti dello sportello unico per l'edilizia, "sono riferiti esclusivamente alle parti comuni degli edifici interessati dai medesimi interventi".

Ricordiamo che, sulla base di quanto disposto dall'articolo 9-bis del Dpr 380/2001, lo stato legittimo dell'immobile o dell'unità immobiliare "è quello stabilito dal titolo abilitativo che ne ha previsto la costruzione o che ne ha legittimato la stessa e da quello che ha disciplinato l'ultimo intervento edilizio che ha interessato l'intero immobile o unità immobiliare, integrati con gli eventuali titoli successivi che hanno abilitato interventi parziali."

Superbonus: assemblea condominale

Le deliberazioni dell'assemblea condominale aventi a oggetto l'approvazione degli interventi che beneficiano del Superbonus e degli 
eventuali finanziamenti finalizzati agli stessi interventi, nonché l'adesione all'opzione per la cessione o per lo sconto in fattura, "sono valide se approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno un terzo del valore dell'edificio."

Superbonus: Comuni colpiti da eventi sismici

Viene specificato che, nei Comuni dei territori colpiti da eventi sismici, la detrazione maggiorata del 110% "spetta per l'importo eccedente il contributo previsto per la ricostruzione".

Non solo: I limiti delle spese ammesse alla fruizione delle detrazioni maggiorate e sostenute entro il 31 dicembre 2020 sono aumentati del 50% per gli interventi di ricostruzione riguardanti i fabbricati danneggiati dal sisma nei Comuni presenti negli elenchi di cui al decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189/2016 e al decreto-legge n. 39/2009. In quersto caso, gli incentivi fiscali sono alternativi al contributo per la ricostruzione e sono fruibili per tutte le spese necessarie al ripristino dei fabbricati danneggiati, comprese le case diverse dalla prima abitazione, con esclusione degli immobili destinati alle attività produttive.

Geotermico: PAS per le piccole utilizzazioni locali

Le piccole utilizzazioni locali geotermiche (PUL) sono assoggettate alla procedura abilitativa semplificata (PAS), qualora il prelievo e la restituzione delle acque sotterranee restino confinati nell'ambito della falda superficiale e fermi restando gli oneri per l'utilizzo delle acque pubbliche stabiliti dalla normativa vigente ( dove applicabili).

Inoltre, per tali impianti è prevista l'esclusione dalle procedure regionali di verifica di assoggettabilità ambientale. Finora tale esclusione vigeva solo per gli impianti di potenza inferiore a 1 MW ottenibile dal fluido geotermico alla temperatura convenzionale dei reflui di 15 gradi centigradi geotermico e per le utilizzazioni tramite sonde geotermiche.

Conto termico: incentivo maggiorato per scuole ed ospedali

Gli interventi previsti dal "Conto termico" (Dm 16 febbraio 2016) sono incentivabili per il 100% delle spese ammissibili, qualora realizzati su edifici pubblici adibiti a uso scolastico e su edifici di strutture ospedaliere del Servizio sanitario nazionale.

Contributi per la riqualificazione elettrica dei veicoli

A chi installa, entro il 31 dicembre 2021, un sistema di riqualificazione elettrica su veicoli delle categorie internazionali M1, M1G, M2, M2G, M3, M3G, N1 e N1G, immatricolati originariamente con motore termico, verrà riconosciuto un contributo pari al 60% del costo di riqualificazione fino ad un massimo di euro 3.500.

Verrà, inoltre, riconosciuto anche un contributo pari al 60% delle spese relative all'imposta di bollo per l'iscrizione al pubblico registro automobilistisco (PRA), all'imposta di bollo e all'imposta provinciale di trascrizione.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google