Nextville - logo

Approfondimenti

10 Novembre 2016

Riforma delle tariffe e Tutela SIMILE, novità per i consumatori di energia elettrica

(Maria Antonietta Giffoni)

L'Autorità per l'energia ha pubblicato le FAQ sulla riforma delle tariffe elettriche e ha introdotto la Tutela SIMILE, una particolare tipologia di contratto di fornitura per accompagnare il consumatore verso il mercato libero.

Riforma tariffe elettriche

Già avviata a partire dal 1° gennaio 2016 e pienamente operativa a partire al 1° gennaio 2018, la riforma attua quanto previsto dall'articolo 11, comma 3 del decreto legislativo 102/2014 e cioè il superamento della progressività delle tariffe rispetto ai consumi (ossia prezzi crescenti al crescere dei consumi), in modo da rendere le tariffe realmente aderenti ai costi dei servizi di rete e agli oneri di sistema.

In altri termini, "la tariffa di rete (cioè i costi pagati per la trasmissione, distribuzione e misura dell'energia elettrica) e la tariffa per gli oneri di sistema (cioè i costi per sostenere attività di interesse generale per il sistema elettrico) - in totale oltre il 40% della nostra bolletta -  saranno uguali per tutti e per ogni livello di consumo".
A partire dal 2018, tutti pagheremo l'esatto corrispettivo per il servizio che usiamo, senza più le attuali agevolazioni per chi consuma meno e gli aggravi per chi consuma di più.

Un'applicazione graduale

Per "evitare eccessivi effetti su chi oggi con bassi consumi paga un po' meno", il processo di riforma è stato concepito per essere applicato gradualmente in tre anni:

dal 1° gennaio 2016 è stata mantenuta la struttura tariffaria a scaglioni vigente nel 2015 e sono stati ridefiniti in parte i valori dei corrispettivi da pagare per i servizi di rete, e cioè i costi per la trasmissione, distribuzione e misura dell'energia elettrica. La ridefinizione dei valori tende a diminuire di almeno il 25% il divario di costo attualmente sostentuto tra residenti e non residenti e tra clienti che consumano di meno e clienti che consumano di più;

dal 1° gennaio 2017 ci sarà la piena applicazione della tariffa non progressiva per i servizi di rete e verrà effettuato il primo intervento anche sulla tariffa per gli oneri di sistema, in modo da diminuire l'effetto di progressività e limitare a 2 il numero di scaglioni di consumo annuo;

dal 1° gennaio 2018 la riforma sarà a regime, applicando la piena struttura non progressiva anche alla tariffa per gli oneri generali di sistema.

Per aiutare i 30 milioni di famiglie italiane coinvolte a comprendere sempre meglio la portata della riforma, l'Autorità ha provveduto a pubblicare una serie di domande e risposte che cercano di chiarire dubbi e perplessità. Per maggiori informazioni, vedi i Riferimenti in basso.

Tutela SIMILE

Un'altra novità che interesserà i consumatori di energia elettrica a decorrere dal 2018 è l'eliminazione della Maggior Tutela nel settore dell'energia elettrica.
Una modifica che interesserà molti consumatori, dal momento che tante sono ancore le famiglie e le piccole imprese che usufruiscono del servizio di Maggior Tutela: nel 2015, su un totale di 29.683 punti di prelievo, il 68% erano gestiti da questo tipo di servizio. Insomma sono ancora pochi gli utenti passati al mercato libero dell'energia.

L'eliminazione della Maggior Tutela è stata prevista dal disegno di legge concorrenza, recante "Legge annuale per il mercato e per la concorrenza", attualmente in discussione al Senato, atto n. AS2085. Sebbene l’iter di approvazione del DDL Concorrenza non sia ancora giunto al termine, secondo l'Autorità "appare la volontà del legislatore di rimuovere la tutela di prezzo per tutti i clienti serviti in Maggior Tutela, inclusi pertanto i clienti domestici". Per questa e altre motivazioni, l'Autorità ha deciso di prevedere la particolare tipologia di contratto, chiamata Tutela SIMILE.

Per accompagnare il consumatore verso il mercato libero - unica scelta possibile a partire dal 2018 - l'Autorità "ha istituito la Tutela SIMILE, una particolare tipologia di contratto di fornitura di energia elettrica di durata di 12 mesi non rinnovabile. Tale contratto pur basandosi sul mercato libero, è composto da condizioni contrattuali definite dall'Autorità, obbligatorie ed omogenee per tutti i venditori".

Dal 1° gennaio 2017 tutti i clienti domestici e le piccole imprese, che attualmente usufruiscono del Servizio di Maggior Tutela, potranno scegliere il contratto di Tutela SIMILE, "autonomamente o con l'aiuto di un una Associazione dei consumatori o di categoria per le piccole e medie imprese accreditate presso Acquirente unico".

Questo consentirà al consumatore di comprendere meglio le dinamiche del mercato libero dell'energia elettrica, permettendogli successivamente di scegliere in modo più consapevole il proprio fornitore.

Per maggiori informazioni è possibile contattare lo Sportello per il consumatore di energia gestito dall'Autorità in collaborazione con l'Acquirente Unico. Vedi i Riferimenti in basso.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google