Nextville - logo

Approfondimenti

15 Ottobre 2019

In vigore il 'decreto Clima': ecco cosa prevede

(Filippo Franchetto)

A pochi giorni di distanza dall'approvazione in Consiglio dei ministri, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entra oggi in vigore il decreto-legge "Clima", fortemente voluto dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

Il decreto-legge 14 ottobre 2019, n. 111 ("Misure urgenti per il rispetto degli obblighi previsti dalla direttiva 2008/50/CE sulla qualita' dell'aria e proroga del termine di cui all'articolo 48, commi 11 e 13, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229") contiene una serie di misure ambientali, che riassumiamo qui di seguito.

Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell'aria

Entro il 14 dicembre 2019, dovrà essere approvato il "Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell'aria". Nel programma verranno individuate le misure per assicurare la corretta e piena attuazione della direttiva 2008/50/Ce sulla qualità dell'aria e per contrastare i cambiamenti climatici.

Misure per incentivare la mobilità sostenibile nelle aree metropolitane

È  stato istituito un fondo denominato "Programma sperimentale buono mobilità", con una dotazione complessiva di 255 milioni di euro spalmati tra il 2019 e il 2024.

Il fondo consentirà di erogare contributi pari a:

1.500 euro, per la rottamazione di autovetture omologate fino alla classe euro 3;

500 euro, per la rottamazione di motocicli omologati fino alla classe euro 2 ed euro 3 a due tempi.

Il buono potrà essere utilizzato entro i successivi tre anni, per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale, nonché di biciclette anche a pedalata assistita.

Entro il 14 dicembre 2019, un decreto definirà le modalità e i termini per l'ottenimento e l'erogazione del beneficio.

Promozione del trasporto scolastico sostenibile

Saranno investiti 10 milioni di euro nel 2020 e altri 10 nel 2021 per progetti sperimentali di trasporto scolastico per i bambini e ragazzi, con mezzi ibridi o elettrici. I progetti dovranno essere presentati al Ministero dell'ambiente da uno o più Comuni, anche in forma associata, interessati dalle procedure di infrazione comunitaria sulla qualità dell'aria. Le modalità di presentazione delle domande verranno stabilite da un decreto, che verrà pubblicato entro il 29 novembre 2019.

Azioni per la riforestazione

30 milioni di euro (15 milioni per il 2020 e 15 per il 2021) saranno destinati al programma sperimentale di messa a dimora di alberi, di reimpianto e di silvicoltura, la creazione di foreste urbane e periurbane, nelle città metropolitane. Entro il 14 dicembre 2019, con decreto verranno definite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse, tenendo conto della valenza ambientale e sociale dei progetti, del livello di riqualificazione e di fruibilità dell'area e dei  livelli di qualità dell'aria.

Discariche abusive e infrastrutture idriche

Un nuovo Commissario unico avrà il compito di effettuare tutti gli interventi necessari per risolvere la procedura di infrazione 2003/2077 sulle discariche abusive.

Analogamente, un nuovo Commissario unico si occuperà di risolvere l'altra procedura di infrazione relativa alla mancata realizzazione - in numerose aree del Paese - di sistemi di collettamento, fognatura e depurazione delle acque.

Pubblicità dei dati ambientali

Entro il 12 aprile 2020, i gestori di centraline e di sistemi di rilevamento automatico dell'inquinamento atmosferico, della qualità dell'aria e di altre forme di  inquinamento e i gestori del servizio idrico dovranno pubblicare in rete le informazioni sul funzionamento del dispositivo, sui rilevamenti effettuati e tutti i dati acquisiti.

Incentivazione di prodotti sfusi o alla spina

Agli esercenti che attrezzano spazi dedicati alla vendita di prodotti alimentari e detergenti, sfusi o alla spina, viene riconosciuto un contributo economico a fondo perduto pari alla spesa sostenuta e documentata, per un importo massimo di 5.000 € ciascuno, corrisposto secondo l'ordine  di presentazione delle domande ammissibili. I contenitori offerti dall'esercente non dovranno essere monouso. La dotazione della misura è pari a 20  milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021. Entro il 14 dicembre 2020, un decreto fisserà le modalità per l'ottenimento del contributo e per la verifica dello svolgimento dell'attività di vendita.

Proroghe versamenti tributari

Vengono prorogati i versamenti tributari e quelli contributivi per i soggetti colpiti dal sisma del 2016 in Abruzzo, Lazio e Marche.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google