Nextville - logo

Comunicare l'energia

13 Gennaio 2010

Ambiente: una cronologia (1976-2009)

(Roberto Coizet)

Anche se lo sguardo d'insieme di questo documento è più ampio del pur vasto tema energetico, pensiamo utile offrire ai lettori di Nextville questa veloce panoramica sul trentennio che ha visto svilupparsi la percezione dell'ambiente nel nostro paese. Può costituire un utile ripasso per chi questi anni li ha vissuti già più o meno consapevole di come girava il mondo. E per i più giovani può essere uno spunto di riflessione, poiché nessuna disciplina prevede ancora lo studio della nostra storia in chiave ambientale.

 

1976
• Segnali d’allarme. Disastro di Seveso. Il 10 luglio l’area dei comuni di Seveso, Meda e Cesano Maderno viene invasa da una nube tossica (diossina) sviluppatasi dagli impianti chimici della società elvetica Icmesa. Non ci sono vittime umane ma gli abitanti vengono evacuati, muoiono migliaia di animali e altre decine di migliaia vengono soppressi per limitare i rischi di propagazione. Nasce, in Italia e in Europa, una nuova percezione del rischio industriale di cui Seveso diviene il simbolo, tanto da dare il nome alla Direttiva europea 96/82/CE che impone il censimento di tutti i siti industriali ad alto rischio.


1980
Movimenti. Nasce Legambiente. Si tratta della prima associazione ambientalista unicamente italiana. Nel 1967 era nato il WWF Italia (emanazione del WWF Internazionale, nato nel 1961) e nel 1978 gli Amici della Terra (emanazione di Friends of the Earth). Legambiente mostra immediatamente un’identità autonoma rispetto alle tradizioni dell’ambientalismo internazionale, con un orientamento politico dichiarato e uno spiccato interesse agli aspetti sociali ed economici connessi alla questione ambientale.
Società. Consumi energetici. Secondo valutazioni dell’Agenzia Internazionale per l’Ambiente (IEA) i consumi energetici totali nel pianeta ammontano quest’anno a 7.144 MTep (milioni di tonnellate equivalenti petrolio). Gli Stati Uniti sono a 1.969 Mtep, la Cina a 441, l’Europa occidentale a 1.811 e l’Italia a 155 (confronta 2005).


1982
Istituzioni. Ingegneria genetica. Il 22 marzo il Consiglio d'Europa pubblica la raccomandazione n. 934 sull'ingegneria genetica e sollecita il Comitato dei ministri a prevedere, nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo, un esplicito riconoscimento del diritto ad un patrimonio genetico senza modifiche. È l’esordio della discussione internazionale sulla legittimità (clinica, ambientale ed etica) di interventi di “correzione” dell’assetto biologico/genetico presente in natura.
Legislazione. Primo sostegno alle energie rinnovabili. Il 29 maggio viene emanata la Legge 308 che dichiara di pubblico interesse e di pubblica utilità lo sfruttamento di fonti rinnovabili o ad esse assimilate, e istituisce un sistema di contributi in conto capitale a favore della realizzazione di impianti in questo settore.
Legislazione. Disciplina dei rifiuti. Il 10 settembre viene emanato il Dpr 915/1982 che costituisce il primo passo verso una normativa in materia e apre la strada agli sviluppi sistematici che saranno apportati dal Dlgs 22/1997. In particolare, il Dpr introduce una concezione “dinamica” di rifiuto, in base alla quale nessun prodotto è, per legge, rifiuto ma tutto può diventarlo.
Aspetti internazionali. Convenzione sul diritto del mare. Il 10 dicembre le Nazioni Unite adottano la Convenzione di Montego Bay sul diritto del mare, che definisce il regime giuridico di tutti gli spazi marini e stabilisce, a carico degli Stati membri, l’obbligo di cooperare per prevenire l’inquinamento marino.


1983
Aspetti internazionali. Piano d’Azione sull’ambiente. Il 17 febbraio nasce il terzo Programma d’Azione per la protezione dell'ambiente della Comunità Europea, che vara la politica ambientale comunitaria e introduce il principio della “integrazione della dimensione ambiente nelle altre politiche”.
Legislazione. Tutela dell’aria. In marzo viene emanato il primo decreto (Dpcm 28/03/1983) che fissa i limiti massimi di accettabilità e di esposizione relativi a inquinanti dell’aria nell’ambiente esterno. Secondo il decreto, i nuovi standard vengono applicati in tutto il territorio nazionale, attraverso la verifica delle concentrazioni, qualunque sia la fonte di inquinamento, industriale o civile.
Aspetti internazionali. Commissione Mondiale per lo sviluppo e l’Ambiente. L’Organizzazione delle Nazioni Unite istituisce la Commissione Mondiale per lo Sviluppo e l'Ambiente, presieduta da Gro Harem Brundtland.
Istituzioni. Nasce il Ministero dell’Ambiente. Con il primo Governo Craxi, il 4 agosto, Alfredo Biondi viene nominato Ministro dell’Ambiente, inaugurando in Italia questo dicastero che vedrà, dal 1983 al 2009, una successione di quindici incarichi ministeriali.


1984
Segnali d’allarme. Disastro di Bhopal. Quello avvenuto a Bhopal, in India, poco dopo la mezzanotte del 2 dicembre, è considerato il più grave incidente chimico-industriale della storia. Il rilascio di circa 40 tonnellate di gas (isocianato di metile), prodotto da una multinazionale americana (la Union Carbide) uccise ufficialmente 1.754 persone, ma fonti non ufficiali stimano più di 10.000 vittime e l’avvelenamento di un numero variabile tra 150.000 e 600.000 abitanti. Vent’anni dopo, nel 2004, la contaminazione risultava ancora attiva.
Istituzioni. Zanone all’Ambiente. Il 30 luglio, con il Governo Craxi I, Valerio Zanone (PLI) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica fino al 1986.
• Società. State of The World. Il Worldwatch Institute pubblica il primo rapporto State of The World, che diventerà negli anni a seguire il più autorevole documento annuale sullo stato del pianeta, attraverso un’analisi dei cambiamenti che riguardano le condizioni e le disponibilità delle risorse naturali e con particolare attenzione al ruolo dell’economia in tali cambiamenti.


1985
Segnali d’allarme. Buco nell’ozono. Prime rilevazioni e misurazioni della riduzione della fascia di ozono nelle regioni polari. Conferenza internazionale sui gas climalteranti (Villach) e Convenzione su protezione della fascia ozono (Vienna). Cresce l’attenzione sul tema, che porterà, due anni più tardi, alla firma del Protocollo di Montreal.
Aspetti internazionali. Libro Verde sulle politiche agricole. Il 23 luglio viene pubblicato il cosiddetto Libro Verde della Comunità europea, redatto dalla nuova commissione Delors-Andriessen. Il testo evidenzia la necessità di scelte innovative in materia di politica agricola comunitaria, con attenzione – per la prima volta in quest’ambito – alla protezione dell’ambiente.
Legislazione. Legge Galasso per il territorio. L’8 agosto viene emanata la Legge 431/1985, nota come “Legge Galasso”, che costituisce la prima normativa organica per la tutela degli aspetti naturalistici del territorio italiano. La legge introduce i criteri per regolare il delicato rapporto tra Stato e Regioni e classifica una serie di territori nazionali come “bellezze naturali soggette a vincolo”.

1986
Segnali d’allarme. Cernobyl. Il 26 aprile esplode un reattore della centrale nucleare di Cernobyl, in Ucraina. Dalla centrale si sollevano nubi di materiali radioattivi che si estendono a tutta la parte occidentale dell’Unione sovietica, l’Europa orientale e la scandinavia. Da documentazioni ufficiali, 58 vittime e 135.000 persone evacuate dalla zona. Per alcuni mesi, panico anche in Italia. Aggravato dal fatto che il primo novembre avviene l’incendio della Sandoz (Basilea), con rilascio di sostanze tossiche che provocano la morte dei pesci fino in Olanda.
Movimenti. Crescono gli ambientalisti. Il movimento antinuclearista prende dimensioni di massa. Il 10 maggio, corteo antinucleare di 200.000 persone a Roma. Nel corso dell’anno WWF Italia e Legambiente raddoppiano i propri iscritti. Nascono il Partito dei Verdi e Greenpeace Italia.
Istituzioni. De Lorenzo all’Ambiente. Il primo agosto, con il Governo Craxi II, Francesco De Lorenzo (PLI) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica fino all’anno successivo.
Società. Nasce Slow Food. L’associazione, inizialmente improntata all’educazione del gusto, diventa in breve tempo protagonista di iniziative per l’agricoltura sostenibile e per un’equa distribuzione delle risorse alimentari verso le fasce più povere della popolazione mondiale.
Società. Moratoria sulla caccia balene. Entra in vigore la moratoria, fissata nel 1982 dalla Commissione Baleniera Internazionale (CBI), della caccia alle balene a fini commerciali. La nuova procedura verrà adottata dal 1994.


1987
Movimenti. Referendum sul nucleare. Il 9 novembre i “si” vincono con l’80% dei voti nei cinque referendum, tre dei quali riguardano l’energia nucleare. In realtà nessun quesito richiede l’abolizione o la chiusura delle centrali in Italia, ma nel vissuto collettivo il referendum viene ricordato come un “no” definitivo al nucleare.
Istituzioni. In un anno tre ministri all’Ambiente. Fino al 17 aprile resta in carica De Lorenzo (Governo Craxi II); da quella data, per circa tre mesi, Mario Pavan (Tecnico, con il Governo Fanfani VI) e poi, dal 28 luglio, Giorgio Ruffolo (PSI), che con i Governi Goria, De Mita e Andreotti VI e VII, sarà ministro per cinque anni, fino al 1992.
Aspetti internazionali. Protocollo di Montreal. Sotto la pressione delle associazioni ambientaliste, della comunità scientifica e dell’UNEP il 16 settembre viene firmato il Protocollo di Montreal sulla riduzione delle sostanze lesive della fascia di ozono (CFC). Il protocollo entrerà in vigore nel 1989 e costituisce un felice esempio di cooperazione internazionale: ad oggi è stato ratificato da 191 paesi.
Aspetti culturali. Nasce lo “Sviluppo sostenibile”. Il rapporto delle Nazioni Unite Our Common Future (noto anche come Rapporto Brundtland, dal nome della coordinatrice Gro Harlem Brundtland) introduce la seguente definizione: “Lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni”.
Società. Cinque miliardi. La popolazione mondiale supera i cinque miliardi di abitanti. All’inizio del secolo eravamo 1,6 miliardi e nel 1974 abbiamo superato i 4 miliardi.


1988
Società. Preoccupazioni sul clima. Una risoluzione delle Nazioni Unite riconosce il mutamento climatico come “preoccupazione comune dell’umanità”.
Aspetti internazionali. Nasce IPCC. Su iniziativa delle Nazioni Unite (World Meteorological Organization, WMO, e United Nations Environment Programme, UNEP) viene fondato l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC). È suddiviso in tre gruppi di lavoro che approfondiscono le basi scientifiche dei cambiamenti climatici, gli impatti di questi cambiamenti sui sistemi naturali e umani nonché politiche di mitigazione e riduzione delle emissioni in atmosfera.
Economia. Minima quotazione petrolio. A seguito della crisi asiatica, della crescente bancarotta” sovietica e del crollo dello hedge fund Ltcm, il prezzo del petrolio (attestato mediamente sopra i 30 dollari/barile) subisce un contro-choc e il 10 dicembre precipita a 9,64 dollari.


1989
Società. Caduta del muro di Berlino. Il 16 novembre cade il muro che separava Berlino Ovest da Berlino Est, decretando simbolicamente la fine dei regimi comunisti in Europa.
Segnali d’allarme. Petrolio in mare. Il 24 marzo la superpetroliera Exxon Valdez (di proprietà Exxon Mobil) si incaglia nel Prince William Sound, in Alaska, riversando in mare più di 40.000 metri cubi di greggio e inquinando 1.900 Km di coste. A causa della fuoruscita muoiono più di 250.000 uccelli marini, 2.800 lontre, 300 foche, 22 orche e vengono distrutti miliardi di uova di salmone e aringa. Nel 1991 la Exxon Mobil sarà condannata a pagare danni per oltre un miliardo di dollari e spendere altri due miliardi di dollari per la ripulitura delle coste.


1990
Economia. Sale prezzo petrolio. A seguito della prima Guerra del Golfo il barile raggiunge e supera i 40 dollari. Era a 1,80 dollari nel 1970, 10 dollari nel 1974, 20 dollari nel 1979, 30 dollari nel 1980. La crescita del prezzo del petrolio spinge a una nuova attenzione, politica e industriale, verso le fonti di energia rinnovabile.
Società. Emissioni CO2. In base ai dati forniti dalla Energy Information Administration (EIA), le emissioni pro-capite di CO2 da usi energetici si attestano quest’anno ai quantitativi seguenti: Stati Uniti, 20,0 Ton CO2 annue; Cina, 2,0 annue; Europa, 8,1 annue; Italia, 7,3 annue.
Aspetti internazionali. Primo rapporto IPCC sul mutamento climatico. Viene pubblicato il First Assessment Report dell’ Intergovernmental Panel on Climate Change. Il documento costituisce la prima testimonianza, da parte di una autorevole comunità scientifica internazionale, sui rischi dell’emergenza climatica.

1991
Aspetti internazionali. Prima Guerra del Golfo. Il 17 gennaio inizia l’intervento delle forze della coalizione in Iraq (Desert Storm), dopo che le truppe irachene avevano invaso il territorio del Kuwait. Il 26 febbraio viene liberata Kuwait City e due giorni dopo l’Iraq accetta le risoluzioni dell’ONU per porre fine alla guerra.
Legislazione. Legge sulle aree protette. Il 6 dicembre viene emanata la Legge 394/2001, che costituisce legge-quadro sulle aree protette e riordina l’intera materia, fornendo regole e criteri organizzativi unitari ai parchi nazionali e regionali italiani.
Legislazione. Sicurezza sul lavoro. Il 15 agosto viene emanato il Dlgs 277/1991 che prescrive le prime misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori contro i rischi derivanti dall'esposizione agli agenti chimici, fisici e biologici.


1992
Aspetti internazionali. Trattato di Maastricht. Il 7 febbraio viene firmato a Maastricht il Trattato sull'Unione Europea, che definisce il percorso di integrazione economica dei Paesi membri.
Società. Comincia “Mani pulite”. Il 17 febbraio, con l’arresto di Mario Chiesa, presidente del Pio Albergo Trivulzio di Milano, prende avvio la grande inchiesta giudiziaria che coinvolgerà i principali esponenti della vita politica italiana.
Aspetti internazionali. Quinto Programma di Azione europeo. Il 30 marzo viene approvato dalla Commissione europea il Quinto Programma di Azione (1992-1999), che propone una “riconciliazione” tra economia e ambiente.
Società. Falcone e Borsellino. Il 23 maggio Giovanni Falcone, direttore della sezione Affari penali del Ministero di Grazie e Giustizia, viene assassinato dalla mafia. Meno di due mesi dopo, il 29 luglio, un’autobomba uccide il giudice Borsellino e cinque agenti della scorta. Questi eventi accendono una nuova attenzione pubblica sulle attività mafiose, anche in campo ambientale.
Istituzioni. Ripa Di Meana all’Ambiente. Il 28 giugno, all’avvio del Governo Amato I, Carlo Ripa Di Meana (Verdi) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica fino al 1993.
Aspetti internazionali. Earth Summit di Rio. Dal 3 al 14 giugno ha luogo a Rio de Janeiro la Conferenza Ambiente e Sviluppo delle Nazioni Unite (172 governi presenti). La conferenza propone una Dichiarazione sull’ambiente e lo sviluppo, definisce due convenzioni (sulla diversità biologica e sui cambiamenti climatici; quest’ultima confluirà nel Protocollo di Kyoto) e lancia il Programma Agenda 21, un piano d’azione da realizzare su scala globale, nazionale e locale, coinvolgendo i maggiori stakeholders.


1993
Istituzioni. Rutelli e Spini all’Ambiente. Il 28 aprile, all’avvio del Governo Ciampi, Francesco Rutelli (Verdi) diventa Ministro dell’Ambiente per un brevissimo incarico, e viene sostituito il 4 maggio da Valdo Spini (PSI), che resterà in carica per un anno.
Aspetti internazionali. Al via EMAS. Il Consiglio dei Ministri dell’UE adotta, come regolamento destinato a divenire effettivo nell'aprile del 1995, l’Eco-Management and Audit Scheme (EMAS), il cui scopo è di incoraggiare il settore privato a migliorare le proprie performance ambientali.
Società. Nasce Internet. Dopo alcuni anni di sperimentazione, il World Wide Web (“grande ragnatela mondiale”) diventa pubblico e gratuito; all’apertura contiene una cinquantina di pagine.
Aspetti internazionali. Nasce la UE. Con l’entrata in vigore del Trattato di Maastricht (1992), il 1° novembre viene istituita l’Unione Europea, che diviene il soggetto determinante per l’impostazione e l’attuazione delle principali norme in campo ambientale.
Istituzioni. Primo Piano nazionale sviluppo sostenibile. Il 28 dicembre l’Italia approva il Piano Nazionale per lo sviluppo sostenibile in attuazione dell'Agenda 21 (PNSS), redatto dalla Commissione per l'Ambiente globale del Ministero dell'Ambiente. Viene anche istituito un apposito comitato di coordinamento per il suo monitoraggio.


1994
Istituzioni. ANPA. Nasce l’Agenzia Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (ANPA), il cui nome si modificherà in APAT (1999) e successivamente in ISPRA (2008).
Istituzioni. Matteoli all’Ambiente. Il 10 maggio, all’avvio del primo Governo Berlusconi, Altero Matteoli (AN) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica per meno di un anno.
Aspetti internazionali. WTO. Il 15 aprile nasce la World Trade Organization (WTO), col compito di agevolare la liberalizzazione del mercato mondiale. L’Organizzazione sarà destinataria di costanti azioni di protesta contro gli squilibri ambientali e sociali conseguenti alla globalizzazione.
Legislazione. Più sicurezza sul lavoro. Il 1 settembre viene emanato il Dlgs 626/1994 che costituisce la prima legge quadro sulla sicurezza dei lavoratori e prevede per ciascuna impresa la nomina di un responsabile sicurezza.
Aspetti internazionali. Conferenza di Aalborg. Il 27 maggio si conclude la Conferenza di Aalborg con la firma della “Carta delle città europee verso la sostenibilità”, che impegna città e regioni ad attuare l'Agenda 21 a livello locale e ad elaborare piani d'azione per uno sviluppo sostenibile.


1995
Istituzioni. Baratta all’Ambiente. Il 17 gennaio, con il Governo Dini, Paolo Baratta (Tecnico) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica fino all’anno successivo.
Legislazione. Legge contro il rumore. Il 26 ottobre viene emanata la Legge 447/1995 che regolamenta tutte le attività in grado di generare inquinamento acustico.
Aspetti internazionali. Secondo rapporto IPCC sul mutamento climatico. Viene pubblicato il Second Assessment Report dell’ Intergovernmental Panel on Climate Change. Nel Rapporto, elaborato da circa 2000 scienziati ed esperti di tutto il mondo, si giunge alla conclusione che sussiste un’influenza evidente dell'uomo sul clima globale.


1996
Istituzioni. Ronchi all’Ambiente. Il 17 maggio, con il Governo Prodi I, cui seguono i Governi D’Alema I e II, Edoardo Ronchi (Verdi) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica per quattro anni, dando forma per la prima volta ad un quadro legislativo nazionale su queste materie, con particolare riferimento ai rifiuti.
Società. L’Impronta ecologica. M. Wackernagel e W. Rees lanciano uno strumento particolare per misurare l’impatto dell’uomo sugli ecosistemi della terra. Si tratta dell’impronta ecologica, un metodo che permette di calcolare la quantità di suolo e di acqua necessari a una determinata collettività (una nazione o una città) per far fronte ai propri consumi e smaltire i rifiuti che produce. L’impronta ottiene un successo mondiale come strumento che permette di visualizzare con grande immediatezza cosa significa consumare troppo.
Aspetti internazionali. Conferenza ONU sugli insediamenti umani. A Istambul viene convocata la Conferenza delle Nazioni Unite sugli Insediamenti Umani Habitat II. La Conferenza, attraverso la Dichiarazione di Istanbul e l’Agenda Habitat, rilancia l’Agenda 21 come procedimento per la programmazione delle politiche e la pianificazione del territorio.
Legislazione. ISO 14001. Nel settembre viene pubblicata la norma ISO 14001 che, all’interno delle norme di standardizzazione internazionale, fissa i requisiti di gestione ambientale di cui un’organizzazione deve essere dotata per accedere alla certificazione di qualità.


1997
Legislazione. Il “Decreto Ronchi”. Il 5 febbraio viene emanato il Dlgs 22/1997 che stabilisce il primo quadro organico nazionale in materia di rifiuti in recepimento delle direttive europee. Il provvedimento regola anche il sistema dei Consorzi nazionali per il riciclo, prendendo atto di quelli esistenti (COOU e COBAT) e promuovendo la nascita di nuove strutture (Conai e Filiere per gli imballaggi, Consorzio polietilene, Consorzio oli vegetali ecc).
• Aspetti internazionali. Trattato di Amsterdam. Con le modifiche introdotte dal Trattato, la tutela ambientale diviene un principio costituzionale dell'Unione europea ed una politica comunitaria non subordinata ma di pari livello rispetto alle altre fondamentali finalità dell’UE.


1998
Clima. L’anno più caldo. Il 1998 viene misurato come l’anno più caldo dall’inizio delle registrazioni scientifiche della temperatura terrestre (cominciate nel 1860). Questo primato resisterà fino al 2005.



1999
Società. Sei miliardi. La popolazione mondiale supera i sei miliardi di abitanti. In 12 anni si è aggiunto un nuovo miliardo.
Partecipazione. Agende 21 in Italia. Il 29 aprile nasce a Ferrara il Coordinamento Agende 21 locali, con lo scopo di applicare in una serie di Comuni italiani il piano d’azione proposto dall’Earth Summit di Rio.
Partecipazione. Contabilità ambientale. In luglio viene approvato al Senato il primo disegno di legge sulla contabilità ambientale pubblica, che prevede per tutte le amministrazioni l’obbligo di  tenere, parallelamente alla contabilità ordinaria, una contabilità ambientale che registri gli investimenti e gli esiti delle politiche in materia. La legge non passerà, ma la pratica della contabilità ambientale pubblica comincia a diffondersi.
Legislazione. Legge quadro sulle acque. L’11 maggio viene emanato il Dlgs 152/1999 che fissa le nuove regole per la gestione delle acque, precedentemente regolata dalla cosiddetta Legge Merli (1976).
Istituzioni. Nasce il Servizio per lo Sviluppo Sostenibile. Il Ministero dell'Ambiente (con DPR 549/99) istituisce il Servizio per lo sviluppo sostenibile, cioè l’organo preposto alla promozione e al coordinamento delle iniziative per lo sviluppo sostenibile in Italia.
Aspetti internazionali. Conferenza di Seattle. Il 30 novembre prende avvio il cosiddetto “Millennium Round”, cioè la Conferenza nella quale l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) vuole riscrivere le regole per il commercio del terzo millennio. Partecipano 135 Paesi, tra i quali, per la prima volta, la Cina. In realtà la conferenza, condotta sotto l’assedio di migliaia di manifestanti che si oppongono ad una globalizzazione economica pilotata dai Paesi più forti, si traduce in un insuccesso. Le decisioni che contano, quelle che riguardano l'ambiente e la tutela dei diritti dei lavoratori, sono tutte rinviate.


2000
Istituzioni. Bordon all’Ambiente. Il 25 aprile, con il Governo Amato II, Willer Bordon (Democratici) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica per circa un anno.
Società. Cresce internet. Dopo sette anni di vita, la rete internet raggiunge i 50 milioni di pagine.
Aspetti internazionali. Dichiarazione del Millennio. Il 18 settembre la Sessione speciale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite adotta la Dichiarazione del Millennio, che nelle sue sezioni terza e quarta definisce gli obiettivi internazionali di sviluppo che la comunità internazionale deve perseguire.
Società. Incremento dell’urbanizzazione. All’inizio del terzo millennio risulta che più di metà della popolazione mondiale risiede in città che occupano meno del 2% della superficie del pianeta, consumando il 75% delle risorse disponibili.


2001
Aspetti internazionali. Sesto Programma d’Azione europeo. Il 24 gennaio viene approvato dalla Commissione europea il Sesto Programma di Azione (2001-2010), che sviluppa ulteriormente gli orientamenti del precedente Quinto Programma e individua nel cambiamento climatico la sfida principale per i prossimi 10 anni.
Istituzioni. Ancora Matteoli all’Ambiente. Dall’11 giugno, con i Governi Berlusconi II e III, Altero Matteoli diviene per la seconda volta Ministro dell’Ambiente e sarà in carica per cinque anni, avviando il cosiddetto “Testo Unico ambientale”.
Società. Twin Towers. L’11 settembre terroristi di Al-Qaida attaccano le torri del World Trade Center di New York e il Pentagono. 2974 vittime.
Aspetti internazionali. Terzo rapporto IPCC sul mutamento climatico. Viene pubblicato il Third Assessment Report dell’ Intergovernmental Panel on Climate Change. Il rapporto documenta che durante il XX secolo la temperatura globale è aumentata di 0,6 gradi e che durante gli anni Novanta sono state registrate le temperature più alte del millennio. Si consolida l’unanimità scientifica sul mutamento climatico.



2002
Cambiamento climatico. Scioglimento dei ghiacci. In marzo un gigantesco iceberg – il Larson B, una piattaforma di ghiaccio da 500 miliardi di tonnellate con un'estensione pari alla Valle d’Aosta – si stacca dall’Antartide e scivola in mare aperto.
Società. Vertice mondiale sull’alimentazione. A Roma, tra il 10 e il 13 giugno, si tiene il Vertice mondiale FAO sull’alimentazione: “La fame rappresenta una delle peggiori violazioni della dignità umana. In un mondo caratterizzato dalla prosperità, porre fine alla fame sta nelle nostre mani. Il mancato raggiungimento di questo obiettivo dovrebbe riempire di vergogna ognuno di noi…”
Cambiamento climatico. Il terzo anno più caldo. Il 2002 verrà classificato (a consuntivo 2009) come il terzo anno più caldo dall’inizio delle misurazioni.
Aspetti internazionali. Summit Johannesburg. Tra agosto e settembre si svolge a Johannesburg il Summit mondiale per lo sviluppo sostenibile organizzato dalle Nazioni Unite. Malgrado le grandi aspettative, il Summit restituisce nei suoi documenti finali (il “Piano di implementazione” e la “Dichiarazione di Johannesburg”) l’incapacità della politica internazionale di coordinarsi adeguatamente per dare risposte operative alle sfide ambientali. Mentre il mondo ancora reagisce all’11 settembre, la sostenibilità dello sviluppo non appare come una priorità.
Società. Produzione rifiuti in Italia. Combinando i dati dei vari rapporti esistenti sulla produzione dei rifiuti in Italia (Osservatorio Nazionale Rifiuti, Agenzia Nazionale per l’Ambiente, Federambiente ecc) risulta che dal 1997 al 2002 la quantità di rifiuti urbani prodotti è passata da 26 a 30 milioni di tonnellate, mentre per i rifiuti speciali (di provenienza industriale e commerciale) si raggiungono i 50 milioni di tonnellate e i rifiuti inerti (da demolizione) raggiungono i 40 milioni di tonnellate. In totale si arriva quindi a più di 120 milioni di tonnellate, quasi due tonnellate all’anno per abitante.


2003
Segnali d’allarme. Buco nell’ozono. Nell’anno il buco nell’ozono sopra l’Antartide raggiunge la dimensione record di 26 milioni di chilometri quadrati. Ma, grazie all’applicazione del protocollo di Montreal (dal 1989), decrescerà negli anni successivi.
Cambiamento climatico. Il quarto anno più caldo. Il 2003 verrà classificato (a consuntivo 2009) come il quarto in classifica tra gli anni più caldi a partire dall’inizio delle misurazioni.
Cambiamento climatico. Calura in Italia. Una interminabile estate calda in Italia e in tutta Europa, con temperature sopra i 40 gradi. Nell’anno si registra il maggior numero di morti su scala europea a causa di colpi di calore e malattie da canicola (circa 50.000).
Società. Aree protette. Uno studio delle Nazioni Unite indica che le aree protette, a livello globale, sono oltre 100.000, con una superficie superiore a quella di Cina e India assieme.

2004
Segnali d’allarme. Tzunami. Il 26 dicembre si scatena un maremoto nell’oceano indiano che riguarda l’intero sud est dell’Asia e arriva a lambire l’Africa orientale. Più di 230.000 morti. Il fenomeno non ha origini antropiche, ma concentra ulteriormente l’attenzione sull’imprevedibilità dei fenomeni naturali.
Economia. Il petrolio sale. Nell’anno il prezzo del petrolio greggio arriva fino ai 55 dollari al barile.
Aspetti internazionali. Contro le sostanze tossiche. In maggio entra in vigore la Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti, per eliminare 12 sostanze chimiche tossiche, tra cui PCB, Diossine e DDT.

2005
Quadro internazionale. In vigore il Protocollo di Kyoto. Il 16 febbraio, con l’adesione ufficiale della Russia, diventa vigente il Protocollo di Kyoto, grazie al raggiungimento del cosiddetto “doppio quorum”, cioè la quota di Paesi rappresentativi e la quota di emissioni totali richieste per rendere operativo l’accordo.
Segnali d’allarme. Katrina. Alla fine di agosto si forma l’uragano Katrina, che parte dalle Bahamas e raggiunge la costa degli Stati Uniti sul Golfo del Messico invadendo l’area metropolitana di New Orleans. L’uragano provoca più di 1800 morti ma soprattutto rende evidente la nostra impreparazione ad affrontare mutamenti climatici di carattere catastrofico.
Legislazione. Nasce il Conto energia. Il 5 agosto viene emanato un decreto attuativo del Dlgs 387/2003, con il quale prende il via il principale incentivo per promuovere energia da impianti fotovoltaici. Il “Conto energia” propone una tariffa incentivante che si applica a due formule di produzione/utilizzo: lo “Scambio sul posto” e il “Ritiro dedicato”.
Economia. Il petrolio sale. Nell’anno il prezzo del petrolio greggio arriva fino ai 70 dollari al barile.
Legislazione. Efficienza energetica degli edifici. Il 19 agosto viene emanato il Dlgs 192/2005 che, in attuazione della Direttiva 2002/91/Ce, stabilisce i criteri, le condizioni e le modalità per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici al fine di favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili e la diversificazione energetica, nonché contribuire a conseguire gli obiettivi nazionali di limitazione delle emissioni di gas a effetto serra posti dal protocollo di Kyoto.
Aspetti internazionali. World Summit delle Nazioni Unite. Nel settembre si svolge a New York il Summit mondiale delle Nazioni Unite, con lo scopo di monitorare i progressi ottenuti in campo ambientale. Anche in questo caso, come a Johannesburg, i documenti finali hanno una funzione eminentemente dichiaratoria e non impegnano le politiche concrete delle nazioni partecipanti.
Legislazione. Certificati Verdi. Il 24 ottobre viene emanato il Dm Attività Produttive che prevede le regole per l’emissione di “Certificati Verdi” per l’incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Pertanto, ai produttori di energia da fonti fossili è richiesto di convertire gradualmente una parte della produzione verso le fonti rinnovabili: se non lo fanno devono acquistare l’energia corrispondente (sotto forma di Certificati Verdi) dai produttori di energie rinnovabili.
Società. Consumi energetici. Secondo valutazioni dell’Agenzia Internazionale per l’Ambiente (IEA) i consumi energetici totali nel pianeta ammontano quest’anno a 11.663 MTep (milioni di tonnellate equivalenti petrolio). Gli Stati Uniti sono a 2.537 Mtep (pro-capite: 8,58 Tep), la Cina a 1.691 (pc: 1,29), l’Europa occidentale a 2.173 (pc: 3,69) e l’Italia a 205 (pc: 3,50) (confronta 1980).
Cambiamento climatico. Si scalda l’Antartide. Il British Antarctic Survey rileva che l’87 per cento dei ghiacciai della penisola antartica sono soggetti a riduzione e negli ultimi cinque anni i ghiacciai hanno perso in media 50 metri all'anno. Va ricordato che l'intera banchisa antartica contiene acqua a sufficienza per innalzare il livello dei mari di 62 metri.
Clima. L’anno più caldo. Il 2005 viene classificato (a consuntivo 2009) come l’anno più caldo per il pianeta dall’inizio delle registrazioni della temperatura terrestre. Seguono il 1998, il 2002, il 2003 e il 2004.
Segnali d’allarme. Deforestazione. Dall’anno precedente il tasso di deforestazione della foresta amazzonica è aumentato del 6%, con la perdita di 26.000 Kmq, un’area grande quasi quanto il Belgio.

2006
Legislazione. Nasce il “Codice dell’Ambiente”. Il 3 aprile viene emanato il Dlgs 152/2006, sulla base di una legge delega che aveva affidato al Governo il compito della redazione del provvedimento. Il decreto riscrive le regole su valutazione di impatto ambientale, difesa del suolo e tutela delle acque, gestione dei rifiuti, riduzione dell'inquinamento atmosferico e risarcimento dei danni ambientali, abrogando la maggior parte dei previgenti provvedimenti del settore. Nella sua prima versione il decreto prevede la “liberalizzazione dei Consorzi del riciclo, cioè la possibilità che per ciascuna filiera si creino più Consorzi.
Segnali d’allarme. Inondazioni. In aprile il Danubio raggiunge un livello record, straripando e costringendo 10.000 persone ad abbandonare le proprie case.
Istituzioni. Pecoraro Scanio all’Ambiente. L’8 maggio, con il Governo Prodi II, Alfonso Pecoraro Scanio (Verdi) diventa Ministro dell’Ambiente e sarà in carica per circa due anni.
Società. Abolita moratoria caccia alle balene. Il 21 giugno, dopo 20 anni di moratoria, via libera alla ripresa della caccia alle balene. Alla riunione dei 66 Paesi che costituiscono la Commissione Baleniera Internazionale l’abolizione passa con la motivazione che il divieto alla caccia non è più necessario in quanto il numero delle balene non è più tale da provocare una rapida scomparsa della specie.
Segnali d’allarme. Inquinamento urbano. L’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara che l’inquinamento atmosferico nelle città è responsabile di circa 2 milioni di morti premature l’anno, di cui oltre la metà nei paesi in via di sviluppo.
Clima. Il sesto anno più caldo. Il 2006 viene classificato (a consuntivo 2009) come il sesto anno più caldo per il pianeta dall’inizio delle registrazioni della temperatura terrestre, dopo il 2005, 1998, 2002, 2003, 2004.
Segnali d’allarme. La Groenlandia si sta sciogliendo. Una analisi degli scienziati della NASA, pubblicata il 19 ottobre, segnala che, sulla base di dati rilevati attraverso satellite, risulta che i ghiacci della Groenlandia tra il 2003 e il 2005 si sono sciolti al ritmo di circa 155 milioni di tonnellate (pari a 41 miglia cubiche) ogni anno.
Aspetti internazionali. Rapporto WWF sulla biodiversità. Il 24 ottobre il WWF internazionale presenta la sesta versione di “The Living Planet Report”. Il rapporto, comparando i dati degli ultimi trenta anni, denuncia un crollo della biodiversità e una caduta vertiginosa delle risorse naturali disponibili. In particolare, nel periodo considerato le specie terrestri si sono ridotte del 31%, quelle di acqua dolce del 28% e quelle marine del 27%.
Società. Bicilette e piste ciclabili. In Italia risultano presenti circa 25 milioni di biciclette, vale a dire circa 440 ogni mille abitanti (contro le 1010 ogni mille abitanti dell’Olanda, le 900 della Germania, le 367 della Francia e le 231 della Spagna).
Aspetti internazionali. Rapporto Stern. Il 30 ottobre, l’economista Sir Nicholas Stern pubblica un rapporto, commissionato dal governo britannico di Tony Blair, sulle possibili conseguenze economiche derivanti dai cambiamenti climatici. Il rapporto indica che il riscaldamento globale, in assenza di misure che ne limitino la crescita, potrà causare entro il 2100 perdite (costi economici) tra il 5 e il 20% del prodotto mondiale lordo.
Economia. Cresce il mercato dell’eolico. Nell’anno il settore dell’eolico ha un’impennata del 32% e arriva a una capacità produttiva globale di più di 74.000 megawatt.


2007
Economia. Il petrolio sale. Alla chiusura dell’anno il prezzo del petrolio greggio sfiora i 100 dollari al barile.
Società. Ecomafia. Dal Rapporto Ecomafia, condotto dall’Osservatorio ambiente e legalità di Legambiente, risulta che il business dell’ecomafia in Italia ammonta a più di 18 miliardi di euro, con 9.342 milioni nei settori della gestione rifiuti speciali, abusivismo e animali, e 9.043 milioni per appalti in opere pubbliche e gestione rifiuti urbani
Economia. Il riciclo sale. Nell’anno in Italia l’industria del riciclo cresce del 17,2%, in netta controtendenza rispetto agli altri comparti industriali.
Aspetti internazionali. Il Piano 20–20–20. In marzo, a un anno dalla pubblicazione del "Libro Verde sull’energia sostenibile”, il Consiglio dell’Unione europea adotta come vincolante un obiettivo del 20% di energia da fonti rinnovabili sul consumo di energia dell’Unione al 2020 (con target specifico del 10% per i biocarburanti), che si affianca ad altri due obiettivi per la stessa data: il 20% di riduzione delle emissioni di gas serra e il 20% di miglioramento dell’efficienza energetica. L’obiettivo è sostenere la competitività delle industrie europee e contrastare i cambiamenti climatici, limitando l’aumento della temperatura globale a non più di 2°C rispetto all’epoca preindustriale.
Società. La nave solare. L’8 maggio arriva a New York, dopo un viaggio di cinque mesi, la prima nave transatlantica interamente alimentata con energia solare.
Aspetti internazionali. Quarto rapporto IPCC sul mutamento climatico. Viene pubblicato il Fourth Assessment Report dell’ Intergovernmental Panel on Climate Change. Il Rapporto afferma per la prima volta in modo incontrovertibile la responsabilità diretta dell’uomo nel mutamento climatico (probabilità tra il 90 e il 95%). La CO2 in atmosfera, dopo dieci anni di stabilità in un range tra 265 e 280 parti per milione (ppm), si è impennata, negli ultimi 150 anni fino a 380 ppm. Entro la fine del secolo la temperatura salirà tra 1,8 e 4 gradi centigradi, ma ci sono ipotesi che indicano un aumento fino a 6,4 gradi.
Società. Aumenta l’immigrazione in Italia. Il rapporto presentato in ottobre dalla Caritas con la Fondazione Migrantes segnala un “boom di immigrazione” con 3,7 milioni di “regolari” sul suolo italiano, e un incremento di 700 mila unità in un solo anno. In Germania gli immigrati sono circa 7,3 milioni, in Spagna circa 4 milioni.
Economia. Etanolo. In marzo USA e Brasile annunciano una nuova partnership per sviluppare la ricerca e la produzione di etanolo, aprendo così la strada a un più vasto commercio globale di combustibili biologici. Tra le prime conseguenze, l’aumento dei costi delle derrate alimentari di origine agricola nei paesi in via di sviluppo.
Società. Nobel per la pace all’IPCC. Il 12 ottobre il nobel viene assegnato all’Intergovernmental
Panel on Climate Change a riconoscimento delle attività svolte per la denuncia e il contenimento dell’effetto serra.


2008
Legislazione. Viene “corretto” il Codice dell’Ambiente. Il 16 gennaio viene emanato il Dlgs 4/2008 (il cosiddetto “Correttivo”) che, in esito all’azione di governo di centro-sinistra, modifica alcuni punti sostanziali del Dlgs 152/2006. Tra le modifiche, la previsione che per ciascuna filiera di rifiuti torni ad esservi un solo Consorzio nazionale per il riciclo.
Istituzioni. Prestigiacomo all’Ambiente. Il 28 giugno, con il Governo Berlusconi IV, Stefania Prestigiacomo (PdL–FI) diventa Ministro dell’Ambiente e riveste tuttora questo incarico.
Segnali d’allarme. Emergenza rifiuti a Napoli. Era iniziata nel 1994, con il Governo Ciampi e, in un crescendo di malgoverno e collusioni mafiose, l’emergenza di Napoli culmina nella crisi di quest’anno, aggravata dai contrasti politici nel cambio di governo da Prodi II a Berlusconi IV. Il rapporto tra gestione dei rifiuti e malavita è sotto gli occhi di tutti.
Società. Cresce l’ecomafia. Dal Rapporto Ecomafia di Legambiente risulta che nell’anno il business dell’ecomafia è cresciuto di più del 10% rispetto all’anno precedente (malgrado la crisi economica o proprio facilitato da questa), raggiungendo il totale di 20,5 miliardi di euro. In particolare, i settori della gestione rifiuti speciali, abusivismo edilizio e animali raggiungono in totale 11.885 milioni, mentre i settori degli appalti in opere pubbliche e della gestione dei rifiuti urbani raggiungono 8.632 milioni.
Movimenti. Muore il partito dei Verdi. Dopo la sconfitta elettorale e debilitati dai conflitti interni, i Verdi abbandonano la forma di partito e si ritrasformano in movimento.
Società. Sempre più internet. Dopo 15 anni di vita, la rete internet supera i 1000 miliardi di pagine.
Segnali d’allarme. Ghiacci Polo Sud. In marzo si verifica il primo distacco di un grande iceberg dalla Wilkins Ice Shelf, una delle più grandi montagne di ghiaccio al mondo, nell’area del Polo Sud. L’iceberg misura 40 km di lunghezza per 500 metri di larghezza.
Legislazione. Si aggiorna la sicurezza. Il 9 aprile, con il Dlgs 81/2008, nasce il cosiddetto “Testo Unico” sulla sicurezza sul lavoro, che si sostituisce a tutte le precedenti norme in materia abrogando il Dlgs 626/1994.
Economia. Petrolio sale e scende. Nell’anno il prezzo del petrolio greggio subisce le maggiori variazioni della sua storia: supera i 100 dollari al barile, arrivando il 15 luglio ai 147 dollari, poi, con il progredire della crisi economica, ridiscende sotto i 50 dollari.
Legislazione. Nuova direttiva sui rifiuti. Il 22 novembre viene pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la Direttiva 2008/98/Ce sulla disciplina quadro riguardante i rifiuti. La direttiva prevede l’impegno da parte degli Stati membri a recepirla nei propri ordinamenti nazionali entro il 12 dicembre 2010.
Clima. Il settimo anno più caldo. Il 2008 viene classificato (a consuntivo 2009) come il settimo anno più caldo dall’inizio delle registrazioni della temperatura terrestre.
Società. L’impronta ecologica cresce. A 12 anni dal lancio dell’Impronta ecologica il WWF Internazionale pubblica l’aggiornamento dei calcoli basati sui dati del 2005. La biocapacità del pianeta (area produttiva totale) risulta di 2,1 ettari pro-capite, mentre l’Impronta ecologica è salita a 2,7 ettari pro-capite, eccedendo così le capacità biogenerative del nostro pianeta. Alcuni esempi: Stati Uniti 9,4; Regno Unito 5,3; Germania 4,2; Italia 4,8; Cina 2,1 (quindi nel 2005 ancora nello standard, ma destinata a superarlo rapidissimamente).


2009
Società. 6,8 miliardi. La popolazione mondiale supera i 6.800.000.000 di abitanti. In 10 anni la crescita è stata di 800 milioni di abitanti.
Segnali d’allarme. Ghiacci Polo Sud. Ancora in marzo, a un anno di distanza dal primo distacco, un nuovo grande iceberg si separa dai ghiacci del Polo Sud, ma questa volta le sue misure sono cinque volte superiori (km 40 x 2,5) raggiungendo grosso modo le dimensioni della Giamaica.
Aspetti internazionali. G8 Summit 2009. Dall’8 al 10 luglio si svolge a l’Aquila (per via della presidenza di turno italiana) il vertice annuale dei Grandi. Partecipano Canada, Russia, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti e Unione europea. Per ambiente e clima, nel summit viene definito l’accordo per l’impegno a limitare l’aumento della temperatura globale entro i due gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, nonché a ridurre del 50% le emissioni globali entro il 2050.
Legislazione. Certificazione energetica degli edifici. Il 26 luglio, con un Dm Sviluppo Economico, vedono finalmente la luce le Linee guida per la certificazione energetica degli edifici. La certificazione era stata introdotta con la Direttiva 2002/91Ce, recepita con i Dlgs 192/2005 e 311/2006, ma era in attesa di regolamenti attuativi che ne consentissero l’applicazione a livello nazionale. D’ora in poi tutti gli edifici, all’atto di ogni transazione di vendita, dovranno essere dotati di questo documento che ne certifica le prestazioni energetiche.
Aspetti internazionali. Vertice di Copenaghen 2009. Dal 7 al 18 dicembre si tiene a Copenaghen la 15esima Conferenza dell'Onu sul clima. Oltre 200 rappresentanti dei paesi di tutto il mondo si incontrano per decidere il futuro del pianeta e raggiungere un accordo vincolante per la riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera. Nonostante la grande mobilitazione della società civile e delle associazioni ambientaliste, la conferenza si rivela un fallimento. I paesi partecipanti si impegnano a ridurre le emissioni di gas serra del 50% entro il 2050 (80% per i paesi industrializzati), ma non vengono definite né scadenze né tappe intermedie. Viene riconosciuto di nuovo il limite massimo di due gradi centigradi per l'innalzamento delle temperature globali rispetto ai livelli preindustriali. I Paesi sviluppati si impegnano inoltre a fornire ai paesi poveri 30 miliardi di dollari per il periodo 2010-2012 e 100 miliardi entro il 2020.
Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google