Nextville - logo

Comunicare l'energia

6 Maggio 2014

Raee e fotovoltaico, tutti gli approfondimenti del network di Edizioni Ambiente

(Maria Antonietta Giffoni)

Dal 12 aprile 2014 anche i pannelli fotovoltaici devono rispettare gli obblighi previsti per le apparecchiature elettriche e elettroniche quando diventano rifiuti. Vi presentiamo gli approfondimenti sulle nuove regole.

Circa un mese fa è entrato in  vigore il Dlgs 14 marzo 2014, n. 49, di recepimento della Direttiva 2012/19/Ue, che ha incluso i pannelli fotovoltaici tra i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, anche definiti con la sigla Raee.

Le criticità presenti nel decreto sono molteplici e di difficile interpretazione:

• la distinzione introdotta tra Raee fotovolaico industriale e domestico (superiore o inferiore a 10 kW) non è in palese contrasto con la Direttiva europea, che non prevede più la possibilità per una Aee di essere contemporaneamente in parte domestica in parte professionale?

• come fa un produttore a sapere se il pannello che immette sul mercato sarà parte di un impianto di potenza superiore o inferiore a 10 kW, visto che la tipologia di pannello fotovoltaico è di fatto la medesima?

• è legittimamente giuridico chiedere di finanziare, in forma di cauzione, la gestione del fine vita dei pannelli ai soggetti responsabili che beneficiano del Conto energia?

• quali le regole per il finanziamento della gestione del fine vita dei pannelli FV “nuovi” e cioè immessi sul mercato dopo il 12 aprile 2014?

• come devono essere considerati i pannelli non destinati a un sistema FV concepito, montato e installato da un professionista, per esempio i sempre più numerosi kit “fai da te”, ma anche tutti i pannelli mobili, destinati ad alimentare apparecchiature in via temporanea?

Non mancano criticità anche nel riordino del sistema generale della gestione dei Raee, con ad esempio:

• l'introduzione dell'uno contro zero: i distributori di apparecchiature elettriche ed elettroniche sono obbligati a ritirare gratuitamente i piccoli elettrodomestici (con dimensioni esterne inferiori a 25 cm);

• la semplificazione dell'uno contro uno, con la revisione delle particolari norme che tradizionalmente permettono a rivenditori di Aee, installatori e relativi centri di assistenza di effettuare ritiro, raggruppamento e trasporto dei rifiuti conferiti dall’utenza all’atto dell’acquisto di nuove apparecchiature in deroga alle ordinarie regole autorizzatorie e di tracciamento previste dalla Parte IV del Dlgs 152/2006.

Il Network di Edizioni Ambiente, con Nextville, Reteambiente e la Rivista rifiuti ha dedicato ampio spazio a questo tema con speciali approfondimenti e seminari in aula:

• la sezione di Nextville sul Fine vita del fotovoltaico. Vai alla sezione >>

• gli approfondimenti di ReteAmbiente con lo Speciale Aee/Raee. Quadro normativo e approfondimenti. Vai allo speciale >>

• il numero speciale di maggio della Rivista rifiuti dedicato al nuovo sistema di gestione dei Raee previsto dal Dlgs 14 marzo 2014, n. 49. Gli Interventi approfondiscono tutti gli aspetti del sistema: in particolare, il ritiro uno contro uno e quello, nuovo, dell'uno contro zero, le semplificazioni per i distributori, le previsioni riguardanti i pannelli fotovoltaici. Lo speciale è disponibile anche per i non abbonati alla rivista, al prezzo di 20,00 €. Vai al numero speciale di maggio della Rivista rifiuti >>

• e, infine, il seminario di Formazione sui Rifiuti RAEE: il nuovo sistema per la gestione e la "governance" creato dal Dlgs 49/2014, che si terrà a Milano giovedì 5 giugno 2014. Vai al programma >>.

 

     

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google