Nextville - logo
 

Procedure Quarto Conto energia (Fotovoltaico)

Questa è un una pagina dell'Archivio di Nextville. Quanto in essa contenuto non è più in vigore.

Attenzione: quanto di seguito riportato è valido per gli impianti entrati in esercizio prima del 27 agosto 2012 (Quarto Conto energia). Per gli impianti entrati in esercizio dopo il 27 agosto 2012 valgono le regole previste per il Quinto Conto energia. Vai alle Procedure del Quinto Conto energia.

 Il Conto energia è una forma di incentivo che premia, con un corrispettivo in denaro, l'energia prodotta da impianti solari fotovoltaici senza limiti di potenza. Attivo dal 2005 (Dm 28 luglio 2005) è stato profondamente modificato prima nel 2007 (Dm 19 febbraio 2007), poi nel 2010 (Dm 6 agosto 2010) e infine nel 2011 (Dm 5 maggio 2011).

Il Quarto Conto energia (Dm 5 maggio 2011) è assai più complesso dei precedenti: sono infatti molti i fattori che intervengono nella definizione delle premialità riservate ai diversi impianti.

La tipologia condiziona la taglia

Il meccanismo è basato su un trattamento diverso per i Piccoli impianti e per i Grandi impianti. Ma la definizione è impropria, perché in realtà gli impianti rientrano nell’una o nell’altra categoria per le loro caratteristiche prima ancora che per la loro taglia effettiva.
Ricostruendo il senso del decreto a partire dalle tipologie, si individuano quattro gruppi e cioè:
• impianti fotovoltaici su edifici;
• “altri impianti fotovoltaici” (cioè quelli che non rientrano nella voce precedente, e nemmeno rientrano nelle successive voci);
• impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;
• impianti a concentrazione.

Distinzione Piccoli e Grandi impianti

La distinzione in Piccoli e Grandi impianti influisce sulla modalità e sulle procedure d’accesso agli incentivi. Di seguito riportiamo una schematizzazione di come le categorie degli “impianti su edifici” e degli “altri impianti” si suddividono a loro volta nelle famiglie dei Piccoli e Grandi impianti.

Impianti su edifici → potenza fino a 1MW  → Piccoli impianti
Impianti su edifici → potenza oltre 1 MW → Grandi impianti
Impianti su edifici ed aree della P.A. → qualunque potenza → Piccoli impianti
“Altri impianti” → potenza fino a 200 kW con Scambio sul posto → Piccoli impianti
“Altri impianti” → potenza fino a 200 kW con Ritiro dedicato → Grandi impianti
“Altri impianti” → potenza superiore a 200 kW, qualunque regime → Grandi impianti

Per maggiori informazioni vedi voce "Quarto Conto energia" nel menu di destra.

Accesso alla tariffa

Per gli anni 2011 e 2012, i Grandi impianti entrati in esercio dopo il 31 agosto 2011 hanno complesse procedure da rispettare e la loro possibilità di accesso alle Tariffe incentivanti è limitata da numerosi fattori.

Attenzione: fanno eccezione all’obbligo di iscrizione al Registro, gli impianti che entrano in esercizio entro il 31 agosto 2011, i quali accedono direttamente all’incentivo, fatto salvo l'onere di comunicazione al Gse dell'avvenuta entrata in esercizio entro 15 giorni solari dalla stessa.
Gli impianti hanno comunque la possibilità di iscriversi al Registro a titolo precauzionale (cioè se non sono certi della data di entrata in esercizio).

Il meccanismo è piuttosto complesso e si può così sintetizzare:
• Il GSE allestisce un Registro informatico dei Grandi Impianti e apre finestre temporali (prefissate) di iscrizione ai diversi periodi di incentivazione;
• il richiedente si iscrive utilizzando la finestra temporale idonea a ‘entrare’ in un certo periodo, tenendo conto che avrà poi tempi rigidi per ottenere la Certificazione di fine lavori;  
• Il GSE compila una graduatoria, secondo criteri prefissati, e la pubblica sul suo sito;
• la pubblicazione della graduatoria consente di controllare se le iscrizioni per quel periodo rientrano nei tetti massimi di costo indicati dal decreto;
• se l'impianto iscritto al registro ricopre nella graduatoria una posizione tale da rientrare nel limite di costo previsto per quel periodo può fare richiesta della tariffa incentivante;
• qualora impianti non completati dovessero ottenere una posizione nella graduatoria del Registro Grandi impianti tale da poter rientrare nel periodo di incentivazione per cui si sono iscritti, essi devono ottenere la Certificazione di fine lavori entro 7 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria, termine che è incrementato a 9 mesi se la potenza dell’impianto è superiore a 1MW.

Per maggiori informazioni vedi menu di sinistra.

I Piccoli impianti hanno, invece, una grande facilitazione rispetto ai Grandi impianti: essi infatti accedono al Quarto Conto energia senza vincoli e senza graduatoria. Sono tenuti esclusivamente alle procedure di richiesta di incentivo entro 15 giorni a partire dal momento in cui entrano in esercizio.

Richiesta della tariffa: procedure comuni a tutti gli impianti

Per accedere alla tariffa incentivante Conto energia il soggetto responsabile dell'impianto deve farne richiesta al Gestore dei Servizi Energetici (GSE), con il quale stipulerà una convenzione.

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) è una società per azioni controllata al 100% dal Ministero dell'Economia e delle Finanze e ha come scopo quello di promuovere lo sviluppo delle fonti rinnovabili attraverso l'erogazione di incentivi e la promozione di campagne di informazione per un consumo sostenibile dell'energia.

La domanda per usufruire dell'incentivo e la stipula della convenzione si devono effettuare esclusivamente attraverso il servizio telematico predisposto dal GSE e a cui si può accedere collegandosi al suo sito internet.

La procedura si articola in quattro fasi distinte così definite:

1. La registrazione al portale informatico del GSE

Per accedere al servizio occorre registrarsi al portale del Gestore inserendo i propri dati anagrafici e i dati specifici del titolare dell'impianto, se questi è diverso dal soggetto che fa richiesta del servizio. Per maggiori informazioni vedi voce corrispondente nel menu di destra.

2. La sottoscrizione dell'applicazione Web per il fotovoltaico

Una volta effettuata la registrazione, bisogna accedere di nuovo al sistema telematico per fare richiesta di abilitazione all'applicazione Web "Fotovoltaico". Tale applicazione consente di gestire il rapporto con il GSE rispetto alla richiesta e ottenimento dell'incentivo.
Per maggiori informazioni vedi voce corrispondente nel menu di sinistra.

3. Preparazione e invio della Richiesta di Concessione della tariffa incentivante

Entro 90 giorni dalla data di entrata in esercizio dell'impianto, il soggetto responsabile deve inviare al GSE la Richiesta di Concessione della tariffa incentivante.

Una volta ottenuta la documentazione, il GSE la esamina. Se essa risulta completa in tutte le sue parti il GSE comunica al soggetto responsabile la tariffa incentivante assegnata all’impianto. Nel caso in cui la documentazione presentata risultasse incompleta, il GSE chiede al soggetto responsabile le necessarie integrazioni, che dovranno essere inviate entro 90 giorni dalla data di richiesta.
Per maggiori informazioni vedi voce corrispondente nel menu di sinistra.

4. La stipula della convenzione con il GSE

L'utente che intende accedere all'incentivo Conto Energia deve stipulare una convenzione con il GSE. E' attraverso essa che verrà regolato il rapporto giuridico tra il GSE - soggetto designato all'erogazione della tariffa incentivante - e il soggetto responsabile dell’impianto che usufruirà dell'incentivo.
Per maggiori informazioni vedi voce corrispondente nel menu di sinistra.

Regime fiscale

Per conoscere le regole del regime fiscale connesso al Conto energia, rimandiamo alla sezione "Fiscalità rinnovabili e efficienza". Vedi menu di destra.

 

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google