Nextville - logo
 

Emilia Romagna

Incentivi e agevolazioni locali

Fondo Energia - fondo rotativo di finanza agevolata per il finanziamento della green economy

Descrizione dell’incentivo

Fondo rotativo che agevola gli investimenti destinati all’efficientamento energetico, alla produzione di energia da fonti rinnovabili e alla realizzazione di impianti tecnologici che consentano la riduzione dei consumi energetici da fonti tradizionali. Gestore del Fondo è l’RTI FONDO ENERGIA EMILIA ROMAGNA costituita tra i confidi regionali Unifidi Emilia Romagna e Fidindustria Emilia Romagna

Titolo dell’incentivo

Fondo Energia - energie nuove per l'impresa

Termine per la presentazione delle domande

Presentazione on line nel periodo di apertura dello sportello. Prossima apertura: da giovedì 28 marzo 2013, ore 10.00 a lunedì 29 aprile 2013, ore 17.00 

 

RIAPERTURA SPORTELLO:
Sportello aperto da lunedì 8 luglio 2013 a venerdì 29 novembre 2013 (salvo chiusura anticpata per esaurimento risorse)

Territorio di riferimento

Emilia Romagna

Soggetti beneficiari

Le piccole e medie imprese operanti – in base alla classificazione delle attività economiche Ateco 2007 – nei settori dell’industria, dell’artigianato e dei servizi alla persona aventi localizzazione produttiva in Emilia-Romagna

Attività finanziate

·      A titolo puramente esemplificativo si elencano alcune tipologie di investimento:
a. miglioramento di efficienza energetica delle imprese;
b. sviluppo di fonti di energia rinnovabile;
c. sviluppo di reti intelligenti (smart grid);
d. creazione di reti condivise per la produzione e/o auto consumo di energia da fonti rinnovabili;
e. creazione di beni e servizi destinati a migliorare l’efficienza energetica ed allo sviluppo delle fonti rinnovabili.

Spese ammissibili

Sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di spese:
• Interventi  su immobili strumentali: costruzione, acquisizione, ampliamento e/o ristrutturazione
• Acquisizione di macchinari e impianti;;
• Realizzazione di investimenti per la gestione logistica, energetica e ambientale;
• Acquisizione di brevetti, licenze, marchi, ecc.;
• Consulenze tecniche e/o specialistiche;
• Spese del personale adibito al progetto;
• Spese per materiali utilizzati nel progetto;
• Spese per la produzione documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda (a titolo esemplificativo redazione di business plan; copertura costi di fidejussioni);
• Spese generali forfettarie con un massimo del 20% dell’importo delle spese ammissibili.

Forma di finanziamento

Finanziamenti a tasso agevolato con provvista mista, derivante per il 40% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2007-2013) e per il restante 60% da risorse messe a disposizione degli Istituti di credito convenzionati. I finanziamenti, nella forma tecnica di mutuo chirografario, possono avere la durata massima di 48 mesi, e importo ricompreso tra un minimo di 75 mila euro ad un massimo di 300 mila euro.

 
  Dotazione finanziaria

  

Intensità dell'aiuto


Procedure di erogazione

 vedi il sito web dedicato all'iniziativa

Cumulabilità

 

Atto di riferimento

Deliberazioni di Giunta n. 1419/2011 e n. 65/2012

Per saperne di più

Il sito web dedicato all'iniziativa

Per info:
info@fondoenergia.eu
 
Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google