Nextville - logo

News e articoli

3 Gennaio 2013

Il decreto sulle rinnovabili termiche in Gazzetta Ufficiale

(Filippo Franchetto)

Con 461 giorni di ritardo rispetto ai tempi previsti dal Dlgs 28/2011, è entrato in vigore il Dm 28 dicembre 2012 “Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni".

La versione finale del "Decreto termiche", impropriamente ribattezzato anche “Conto energia termico”, contiene numerose modifiche rispetto alla bozza che lo scorso novembre era stata trasmessa alla Conferenza unificata per l’intesa.

Segnaliamo alcune tra le novità più importanti:

• possibilità di effettuare gli interventi non solo negli edifici ma anche nei fabbricati rurali esistenti;

• per le sole aziende agricole, è incentivabile non solo la sostituzione ma anche l’installazione ex novo di impianti di climatizzazione invernale a biomassa;

• per i soli edifici pubblici ad uso pubblico, possibilità di cumulare l’incentivo con altri incentivi in conto capitale;

• estensione della superficie massima incentivabile di collettori solari termici, da 700 a 1000 m²;

• entro 90 giorni, l’Aeeg dovrà definire tariffe elettriche specifiche per gli impianti di climatizzazione e gli scaldacqua utilizzanti pompe di calore elettriche, al fine di incentivarne la diffusione;

• modifiche all’Allegato 2, relativamente ad alcuni requisiti richiesti per pompe di calore, impianti a biomassa e solare termico;

• estensione della potenza massima incentivabile per pompe di calore e generatori a biomassa, da 500 kW a 1 MW. Attenzione, però: per queste tipologie di impianti, limitatamente a quelli di potenza compresa tra 500 kW e 1 MW, la richiesta di accesso all’incentivo deve essere effettuata tramite l’iscrizione ad appositi registri informatici, secondo tempi, modalità e regole contenute nell’Allegato 4. A questi impianti è in ogni caso riservata una piccola fetta della spesa cumulata annua: 7 milioni (su 200) per le amministrazioni pubbliche e 23 milioni (su 700) per i privati.

Nel corso della prossima settimana, la sezione di Nextville sugli incentivi (accessibile agli abbonati) sarà arricchita da una nuova sezione che spiegherà in maniera dettagliata i contenuti del Decreto e tutte le procedure per accedere all’incentivo. Consigliamo nel frattempo una attenta lettura del Decreto, nei Riferimenti.

Per rimanere aggiornati sulle novità di Nextville vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter quindicinale gratuita. Iscriviti qui.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google