Nextville - logo

News e articoli

23 Gennaio 2013

Certificati Bianchi CAR, le modalità di fatturazione

(Maria Antonietta Giffoni)

Il Gestore dei servizi energetici informa gli operatori che è possibile procedere alla fatturazione per il pagamento dei Certificati Bianchi CAR rilasciati per il periodo 2008-2011.

Il Dm 5 settembre 2011, istitutivo dei Certificati Bianchi CAR riconosciuti agli impianti di cogenerazione ad alto rendimento, dà la possibilità agli operatori di usufruire del ritiro dei Certificati da parte del GSE, in alternativa alla vendita degli stessi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (nome tecnico dei Certificati Bianchi).

Per maggiori informazioni sul meccanismo dei Certificati Bianchi CAR, vedi Riferimenti.

Gli operatori a cui è stato riconosciuto l'incentivo relativo ai risparmi ottenuti dagli impianti CAR nel periodo 2008-2011 e che hanno espresso la volontà di avvalersi del ritiro dei titoli da parte del GSE, devono ora inviare una fattura al GSE stesso per la riscossione dell'ammontare dovuto.

Modalità di compilazione della fattura

Nel sito web Ricoge è prevista una funzionalità che permette di compilare la fattura direttamente on line. Al momento, però, questo servizio non è ancora stato attivato.

In via transitoria, i beneficiari dovranno redarre la fattura su carta intestata e dovranno inviarla via email in formato pdf all’indirizzo: clienti@gse.it

La fattura dovrà riportare le seguenti informazioni:

• Oggetto della fattura: Ritiro Certificati Bianchi ai sensi del Decreto Ministeriale del 5 settembre 2011. Convenzione CARXXXX

• Numero Certificati Bianchi ritirati

• Prezzo unitario (pari a 93,68 €/CB)

• Anno di competenza (nel caso di più anni indicare più righe sulla fattura)

• Coordinate bancarie per il pagamento

L’aliquota IVA da applicare è del 21%.

Attenzione: per poter produrre la fattura e riscuotere il dovuto, il soggetto responsabile deve aver già sottoscritto la convenzione, disponibile sul portale web, in seguito all’accoglimento della richiesta dell'incentivo da parte del GSE.

Tempi per il pagamento delle fattura

Il GSE provvederà ad effettuare il pagamento entro 45 giorni dalla data di ricezione della fattura, previa verifica da parte di Equitalia di inadempimenti tributari a carico del beneficiario, la cui fattura superi i 10 mila euro di importo.

L'articolo 2 del Dm 40/2008 dispone, infatti, quanto segue:
"1. I soggetti pubblici, prima di effettuare il pagamento di un importo superiore a diecimila euro, procedono alla verifica inoltrando, secondo le modalità di cui all'articolo 4, apposita richiesta a Equitalia Servizi S.p.A.
2. Equitalia Servizi S.p.A. controlla, avvalendosi del sistema informativo, se risulta un inadempimento a carico del beneficiario e ne dà comunicazione al soggetto pubblico richiedente entro i cinque giorni feriali successivi alla ricezione della richiesta di cui al comma 1."

Saranno trattenute le spese di istruttoria

Il GSE ricorda, infine, che dall'ammontare dovuto all'operatore saranno trattenute le spese di istruttoria. Come stabilito dal Dm 5 settembre 2011 (articolo 9, comma 3) esse non possono essere superiori al 1% dell'importo della fattura stessa.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google