Nextville - logo

News e articoli

19 Febbraio 2013

Veneto, individuate le aree non idonee per il fotovoltaico a terra

(Filippo Franchetto)

Con Deliberazione n. 5 del 31 gennaio 2013, il Consiglio Regionale del Veneto ha provveduto ad individuare le aree e i siti non idonei all'installazione di impianti fotovoltaici con moduli ubicati a terra.

Qui di seguito l’elenco sintetico delle aree non idonee:

• Siti inseriti nella lista mondiale dell’UNESCO;

• Zone di particolare interesse paesaggistico, ai sensi della Convenzione Europea del Paesaggio;

• Zone umide di importanza internazionale designate ai sensi della Convenzione di Ramsar;

• Rete Natura 2000;

• Aree naturali protette a diversi livelli, istituite ai sensi della L. n. 349/1991 e inserite nell’elenco delle aree naturali protette;

• Geositi;

• Aree agricole interessate da produzioni agroalimentari di qualità (produzioni biologiche, DOP, IGP, DOC, DOCG, produzioni tradizionali), art. 12, comma 7, D. Lgs. n. 387/2003;

• Aree ad elevata utilizzazione agricola, individuate dal PTRC adottato con D.G.R. n. 372 del 17 febbraio 2009.

Va sottolineato che gli impianti a terra di potenza fino a 6 kW “rientrano nella categoria dell’autoconsumo e possono pertanto essere esclusi dalla disciplina di cui al presente provvedimento”.

Per una analisi dettagliata di tutte le aree non idonee, consigliamo di consultare la deliberazione e soprattutto il nostro Dossier Autorizzazioni IAFR Veneto, sempre aggiornato alle ultime novità normative.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google