Nextville - logo

News e articoli

1 Marzo 2013

Conto energia, pubblicato l'elenco dei consorzi idonei allo smaltimento dei moduli

(Maria Antonietta Giffoni)

Il Gestore dei servizi energetici ha reso noto l'elenco dei consorzi (o sistemi) a cui i produttori di moduli fotovoltaici possono aderire per garantirne il riciclo a fine vita.

Dal 1° luglio 2012, tra la documentazione utile per l'accesso alla tariffa incentivante del Quinto Conto energia (e anche del Quarto) il soggetto responsabile dell'impianto deve inviare al GSE un attestato di adesione del produttore dei moduli fotovoltaici a un Sistema o Consorzio, che garantisca la completa gestione a fine vita dei moduli stessi.

Per essere riconosciuti come tali, i Sistemi o i Consorzi devono essere in possesso di determinati requisiti stabiliti nel Disciplinare Tecnico per la definizione e verifica dei requisiti tecnici dei Sistemi/Consorzi per il recupero e riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita, pubblicato dal GSE.

Dopo le opportune verifiche dei requisiti richiesti dal Disciplinare, il Gestore ha pubblicato il primo elenco di quelli risultati idonei, e cioè:

• COBAT – Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo

• Consorzio ECOEM

• Consorzio Ecolight

• Consorzio Ecoped

• Consorzio Eco-PV

• Consorzio Re.Media

• e-cycle scarl

• ERP Italia Srl

• LA MIA ENERGIA soc. cons. a.r.l.

• PV CYCLE ITALIA S.r.l.

Attenzione: i produttori di moduli fotovoltaici installati su impianti entrati in esercizio nel periodo transitorio (1° luglio 2012 - 31 marzo 2013) dovranno aderire a uno di questi Sistemi/Consorzi. La mancata adesione nei termini stabiliti comporta la non ammissione agli incentivi dei nuovi impianti e l'annullamento della tariffa per gli impianti a cui è già stata riconosciuta, con conseguente recupero delle somme indebitamente percepite.

Per rimanere aggiornati sulle novità di Nextville vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter quindicinale gratuita. Iscriviti qui.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google