Nextville - logo

News e articoli

22 Aprile 2013

Certificati Bianchi, novità procedurali dal GSE

(Maria Antonietta Giffoni)

Il GSE comunica agli operatori precisazioni su modifiche nella procedura di invio di richieste e lettere di conferma, disponibilità di tre schede tecniche e attivazione della procedura di accreditamento per alcuni soggetti volontari.

Con due comunicati stampa del 18 aprile, il GSE ha comunicato agli operatori le seguenti precisazioni:

Modifiche alla procedura di invio della lettera di conferma

Una volta realizzati gli interventi di efficienza energetica, i titolari del progetto devono trasmettere una Richiesta di Verifica e di Certificazione dei risparmi conseguiti dal progetto (RCV), unitamente alla documentazione comprovante i risultati ottenuti. Le richieste vanno presentate al Gestore dei servizi energetici (GSE), servendosi dell'applicativo informatico Efficienza Energetica.

Fino al 17 aprile 2013, per completare la presentazione delle richieste occorreva comunque inviare una lettera di conferma dell’avvenuta trasmissione telematica della pratica. La lettera doveva essere inviata in formato cartaceo all'indirizzo di posta indicato dal GSE.

A partire dal 18 aprile, anche la lettera di conferma va trasmessa al GSE per via telematica servendosi del Sistema Efficienza Energetica. La lettera di conferma dovrà essere caricata sul sistema, in formato pdf, unitamente agli altri allegati richiesti.

La medesima lettera di conferma deve essere inviata anche quando viene presentata una Proposta di Progetto e di Programma di Misura (PPPM - per progetti a consuntivo) e nel caso di Richiesta di Verifica Preliminare (RPV).

Attenzione: l’applicativo informatico Efficienza Energetica costituisce l’unico canale per l’invio delle lettere di conferma. Non saranno ritenute valide lettere di conferma inviate al GSE con raccomandata o altri mezzi di comunicazione.

Il GSE ricorda che la data di avvio del procedimento amministrativo coincide con la data di trasmissione telematica della lettera di conferma.

È ora possibile presentare le Richieste di Verifica Preliminare (RVP)

Per effetto di quanto previsto dal Dm 28 dicembre 2012, a partire dal 3 febbraio 2013 l'attività di gestione, valutazione e certificazione dei risparmi è trasferita dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas (AEEG) al Gestore dei servizi energetici (GSE).

In attesa che il passaggio di mano fosse pienamente compiuto, la presentazione delle Richieste di Verifica Preliminare (RVP) era stata sospesa. Il GSE ha ora comunicato agli operatori che a partire dal 18 aprile è possibile presentare le RVP, sempre servendosi dell'applicativo informatico Efficienza Energetica.

"La verifica di conformità alle disposizioni del decreto 28 dicembre 2012 è eseguita dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, in base all’istruttoria predisposta dal GSE, ... e può essere presentata solo se la tipologia di intervento non è direttamente riconducibile a quelle per le quali sono state pubblicate apposite schede tecniche di quantificazione dei risparmi o definite specifiche categorie di intervento, di cui alle tabelle A e B dell’allegato 1 dei Dm 20 luglio 2004, all’allegato A della delibera EEN 9/11 e all’Allegato 1 del Dm 28 dicembre 2012".

Accreditamento operatori

Il Dm 28 dicembre 2012 ha previsto che possano presentare richieste per il rilascio dei Certificati Bianchi altri due nuovi soggetti:

• imprese e Enti pubblici con un sistema di gestione dell’energia in conformità alla ISO 50001;

• imprese e Enti pubblici che abbiano nominato volontariamente un energy manager.

Per accedere al meccanismo, anch'esse devono fare richiesta di accreditamento al GSE. Tuttavia, fino al 17 aprile il sistema non era ancora in grado di accogliere l'accreditamento di queste due nuove tipologie di operatori.

A partire dal 18 aprile è ora possibile utilizzando i sistemi:

• "Accreditamento Società che provvedano in modo volontario alla nomina dell’energy manager (EMV)";

• "Accreditamento Società che si dotino di un sistema di gestione dell’energia certificato in conformità alla norma ISO 50001 (SGE)".

Disponibili tre schede tecniche

Gli interventi che danno diritto al rilascio dei Certificati Bianchi devono produrre riduzioni di energia che siano ben quantificabili. Per semplificare il calcolo dei risparmi conseguibili e sveltire l'iter di approvazione dei progetti, il soggetto titolare dei progetti può utilizzare le schede tecniche che quantificano in maniera standardizzata o analitica i risparmi di energia primaria conseguiti dai progetti medesimi. 

Nel 2012 l'ENEA ha elaborato 18 nuove schede tecniche che vanno ad aggiungersi alle 24 già predisposte dall'Autorità dall'avvio del meccanismo.

Di queste 18, il GSE ne ha rese ora disponibili tre:

• la 30E relativa a “installazione di motori a più alta efficienza”, che annulla e sostituisce la scheda n.11T;

• la 31E relativa a “installazione di sistemi elettronici di regolazione della frequenza (inverter) in motori elettrici operanti su sistemi per la produzione di aria compressa con potenza superiore o uguale a 11 kW”;

• la 32E relativa a “installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori elettrici operanti sui sistemi di ventilazione”.

Per consultare le schede tecniche, vedi Riferimenti in basso.

Attenzione: non si tratta di tre nuove schede tecniche. Semplicemente, il GSE ne ha messe a disposizione tre delle 18 già elaborate dall'Enea. Accedendo al portale informatico Efficienza Energetica, ora gli operatori possono cominciare ad utilizzarle per i relativi interventi. A breve, ne verranno implementate altre quattro.

Dato il ritardo con cui sono state messe a disposizione, il GSE precisa che per la rendicontazione dei risparmi ottenuti dagli interventi riferiti alle schede in questione, "il termine di 180 giorni per la presentazione delle richieste di verifica e certificazione, previsto all’art.12, comma 2, delle Linee Guida, è da considerarsi sospeso nel periodo intercorrente tra il 3 gennaio 2013 e la data odierna (18 aprile 2013, ndr)".


 

Vuoi conoscere più nel dettaglio il meccanismo dei Certificati Bianchi e sapere come richiederli? Visita le sezioni di Nextville dedicate all'incentivo, aggiornate con le ultime disposizioni intervenute.

• Il sistema dei Certificati Bianchi

• Le procedure per accedere ai Certificati Bianchi

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google