Nextville - logo

News e articoli

9 Luglio 2013

Sicilia, al via il registro regionale delle fonti energetiche rinnovabili

(Filippo Franchetto)

Per monitorare la diffusione e lo sviluppo delle fonti rinnovabili, la Regione Sicilia si dota di un registro regionale. Sono previsti alcuni obblighi informativi sia per i titolari degli impianti che per gli enti locali.

Il nuovo sistema di monitoraggio, considerato prioritario per la futura pianificazione energetica in vista degli obiettivi del burden sharing, è stato introdotto con decreto assessorile 12 giugno 2013 e “si applica a tutti gli impianti di produzione di energia (termica e/o elettrica) da fonte rinnovabile presenti sul territorio regionale e ai soggetti concessori e titolari degli impianti di distribuzione/vendita di combustibili solidi, liquidi e gassosi, ivi compresi i titolari di concessione all'esercizio di cui alla legge regionale 5 agosto 1982, n. 97.”

L’iscrizione al registro regionale, mediante la compilazione e l’invio dell’autodichiarazione di cui all’allegato A del decreto, è obbligatoria anche per gli impianti già in esercizio.

L’allegato B deve essere utilizzato dai titolari degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili sopra i 200 kW per comunicare – entro il 1° maggio di ogni anno – l’energia prodotta nell’anno precedente.

La compilazione dell'allegato C, invece, è obbligatoria per i concessori o responsabili degli impianti di distribuzione/vendita di combustibili solidi, liquidi e gassosi che - anch'essi entro il 1° maggio di ogni anno - devono comunicare il quantitativo venduto nell'anno precedente.

Il mancato invio delle autodichiarazioni potrà comportare per il soggetto titolare o responsabile la sospensione del titolo autorizzativo o della concessione all'esercizio rilasciato dall'ente competente.

Vi sono infine degli obblighi anche per gli enti locali che, con precise cadenze temporali e utilizzando l'allegato D del decreto, dovranno comunicare alla Regione i dati relativi agli impianti autorizzati.

Per consultare il decreto assessorile 12 giugno 2013, si vedano i Riferimenti qui sotto.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google