Nextville - logo

News e articoli

13 Settembre 2013

Consiglio di Stato: la delibera Aeeg sugli oneri sbilanciamento Fer rimane annullata fino all’udienza di merito

(Filippo Franchetto)

Il Consiglio di Stato rigetta l’istanza cautelare con cui l’Autorità richiedeva la sospensione delle sentenze del Tar Lombardia che lo scorso giugno avevano annullato la delibera 281/2012/R/EFR sugli oneri di sbilanciamento per le fonti rinnovabili.

Ricordiamo che con questa delibera, l'Autorità per l'energia elettrica e il gas aveva avviato la revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione alimentate da fonti rinnovabili (programmabili e non programmabili), poi conclusasi con le delibere 343/2012/R/EFR e 493/2012/R/EFR. Tra le novità più importanti introdotte dalla delibera, vi era l'attribuzione dei corrispettivi di sbilanciamento anche all'energia prodotta da fonti rinnovabili non programmabili.

Il Tar della Lombardia, nell’annullare la delibera 281/2012/R/EFR, aveva individuato “effetti discriminatori” nelle modalità con cui i corrispettivi erano stati rivisti dall’Aeeg. Secondo i giudici del Tar, l'Autorità aveva introdotto “surrettiziamente una forma di penalizzazione che è in contrasto con il favor riconosciuto dall'ordinamento alla produzione da fonte rinnovabile non programmabile, qual è l'eolico" (vedi news nei Riferimenti).

Orbene, con diverse Ordinanze depositate ieri, il Consiglio di Stato stabilendo “che le questioni poste con l'atto di appello devono essere decise con una sentenza di merito" e che "nelle more della decisione la delibera dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas, oggetto di impugnazione, rimane sospesa limitatamente alle prescrizioni che equiparano le fonti energetiche rinnovabili alle altre fonti", ha rigettato l’istanza cautelare e fissato l’udienza del 14 febbraio 2014 per la trattazione del merito della controversia.

Il Consiglio di Stato ha anche stabilito “che le rimanenti prescrizioni [contenute nella succitata delibera, ndr] e, in particolare, quelle necessarie a garantire la sicurezza del sistema rimangono in vigore”.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google