Nextville - logo

News e articoli

12 Novembre 2013

Fotovoltaico, quale ruolo per l'Europa nel 2014?

(Emiliano Angelelli)

Dopo un anno e mezzo di flessione, il mercato del fotovoltaico in Europa nei prossimi mesi si stabilizzerĂ  e riprenderĂ  a crescere nella seconda metĂ  del 2014. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto NPD Solarbuzz.

Sulla base dei dati relativi al terzo trimestre del 2013, pubblicati da Solarbuzz in "European PV Markets Quarterly", il mercato europeo del fotovoltaico ridefinirà presto il suo ruolo a livello mondiale. Nella prima metà del 2014, secondo gli analisti, si stabilizzerà sui 2,5 GW, mentre sarà caratterizzato da una moderata ripresa nella seconda metà dell'anno. A trainare questa ripresa saranno Germania, Gran Bretagna, Italia e Francia, che l'anno prossimo si attesteranno su una domanda di 8 GW pari al 75% della capacità installata totale nel 2014 in Europa.

Analizzando i dati nello specifico, nel corso del terzo trimestre del 2013 si è registrato un calo dell'11% della domanda rispetto al trimestre precedente e del 43% rispetto allo stesso trimestre del 2012. In questo lasso di tempo la Germania ha riconfermato il proprio ruolo di leader, con il 40% della domanda europea. Quest'ultima, secondo le previsioni, al termine del 2013 farà registrare un calo del 37% rispetto all'anno precedente per un totale di 10,5 GW, il valore più basso degli ultimi quattro anni e circa la metà rispetto ai livelli raggiunti nel 2011.

Il ribasso del 2013 è stato causato principalmente dal drammatico declino della domanda in Germania e in Italia, le cui motivazioni, secondo Solarbuzz, vanno ricercate nell'incertezza introdotta dalla disputa commerciale fra Europa e Cina. La caduta della domanda nel 2013 riguarda anche paesi come Belgio, Danimarca, Francia, Grecia, Paesi Bassi, Slovenia e Spagna ed è stata solo in parte attenuata dalla forte crescita di Gran Bretagna, Romania e Austria.



Nel 2014 Germania e Gran Bretagna saranno responsabili di circa la metà della domanda europea di fotovoltaico. In particolare la Gran Bretagna, a partire dal primo trimestre del 2014, sarà per la prima volta leader europeo del settore, mentre a partire dal secondo trimestre la Germania riconquisterà il proprio ruolo storico di leader, anche se la domanda rimarrà comunque inferiore rispetto a quella del 2013.

In Italia il 2014 vedrà una leggera ripresa; dopo aver toccato praticamente il fondo nel terzo trimestre del 2013, con una domanda scesa a 229 MW a causa della fine del Quinto Conto Energia (6 luglio 2013), il nostro paese avrà un aumento dell'installato. Le nuove installazioni saranno realizzate grazie allo Scambio sul posto, alle detrazioni fiscali, a contratti di Power Purchase Agreements (PPA) o nell'ottica di autoconsumo da parte di utenti commerciali.

Se la domanda di fotovoltaico in diversi paesi registrerà un declino tra il 2013 e il 2014 (Germania, Grecia, Romania, Belgio e Svizzera), sarà comunque compensata dalla crescita in paesi come la Gran Bretagna e la Francia, e anche da mercati più piccoli come la Danimarca e la Turchia. Dopo aver praticamente dominato il mercato mondiale del fotovoltaico tra il 2006 e il 2011 (parliamo di percentuali tra il 70 e l'80%), l'Europa vedrà ridefinito il proprio ruolo dal 2014 in avanti e si attesterà su percentuali che varieranno dal 25% al 30%.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google