Nextville - logo

News e articoli

11 Ottobre 2019

Approvato il decreto-legge 'Clima' in Cdm

(Redazione Nextville)

Ieri sera è arrivata la conferma dell'approvazione, in Consiglio dei ministri, del decreto-legge "Clima", fortemente voluto dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

Confermata l'eliminazione dell'articolo (presente nella penultima bozza del provvedimento) che prevedeva una graduale riduzione delle spese fiscali dannose per l’ambiente, indicate nel "Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi". Secondo il ministro Costa, tale disposizione è comunque contemplata nella prossima legge di bilancio.
 
Via libera anche alle misure a sostegno della mobilità sostenibile nelle aree metropolitane, con un fondo di 255 milioni di euro che consentirà di erogare incentivi pari a:

1.500 euro, per la rottamazione di autovetture omologate fino alla classe euro 3;

500 euro, per la rottamazione di motocicli omologati fino alla classe euro 2 ed euro 3 a due tempi.

Il buono potrà essere utilizzato entro i successivi tre anni, per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale e di altri servizi ad esso integrativi, nonché di biciclette anche a pedalata assistita.

Introdotti un fondo di 40 milioni di euro per i Comuni per la realizzazione o l’ammodernamento delle corsie preferenziali e un fondo di 20 milioni di euro per realizzare o implementare il trasporto scolastico per gli alunni delle scuole elementari e medie con mezzi ibridi, elettrici o non inferiori a euro 6.

Inoltre, 30 milioni di euro saranno destinati al programma sperimentale di messa a dimora di alberi, di reimpianto e di silvicoltura, la creazione di foreste urbane e periurbane. 20 saranno i milioni destinati ai commercianti (fino a 5 mila euro per ciascuno) per la realizzazione di un "green corner" per la vendita di prodotti sfusi.

La parte del provvedimento dedicata ai rifiuti contiene disposizioni per velocizzare la pianificazione di emergenza per gli impianti di stoccaggio e il trattamento dei rifiuti. Infine, l’Ispra, l’Istituto superiore per la ricerca ambientale di cui si avvale il ministero dell’Ambiente, realizzerà un database pubblico, grazie a una dotazione di un milione e mezzo di euro, per la trasparenza dei dati ambientali. I concessionari di servizi pubblici dovranno rendere disponibili in rete i risultati delle rilevazioni effettuate.

"È il primo atto normativo del nuovo governo – afferma il ministro – che inaugura il Green New Deal: il primo pilastro di un edificio le cui fondamenta sono la legge di bilancio e il Collegato ambientale, insieme alla legge Salvamare, in discussione alla Camera, e a 'Cantiere ambiente', all’esame del Senato. Tutto questo dimostra che il Governo sta realizzando una solida impalcatura ambientale, che guarda all’Europa e al miglioramento della qualità della nostra vita quotidiana, con misure come il potenziamento della graduale riduzione delle infrazioni per le discariche abusive e per la depurazione delle acque, il bonus mobilità, la riforestazione urbana".

Nei Riferimenti qui in basso è possibile consultare l'ultima versione disponibile del provvedimento, datata 8 ottobre e precedente all'approvazione in Consiglio dei ministri.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google