Nextville - logo

News e articoli

19 Marzo 2020

Blockchain e rinnovabili, 4 aziende si aggiudicano la gara GSE

(Redazione Nextville)

Le società Kpmg, Accenture, Adamantic e Tyche si sono aggiudicate i due lotti della gara d'appalto indetta dal GSE per sperimentare la tecnologia blockchain al servizio delle rinnovabili e della transizione energetica.

Il bando di gara era stato lanciato dal Gestore dei servizi energetici nell'ottobre scorso e aveva come obiettivo quello di affidare lo svolgimento di Proof of Concept (PoC), in quattro ambiti specifici: 

• simulazione di comunità energetiche: prototipazione di un sistema per la certificazione/notarizzazione dei flussi di energia elettrica scambiata tra utenti appartenenti a una medesima comunità energetica (sistemi socio-energetici senza finalità di lucro) e delle premialità connesse allo scambio di tali flussi;

• tracciabilità della filiera del biometano: tracciatura automatizzata e sicura della filiera relativa al meccanismo di incentivazione del biometano e dei biocarburanti avanzati impiegati nel settore dei trasporti, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista commerciale;

• certificazione della filiera di ricarica delle auto elettriche da fotovoltaico: definizione ed implementazione di una infrastruttura tecnologica “tipo” che consenta di effettuare transazioni notarizzate di dati energetici, economici, informativi, comportamentali, commerciali ecc. funzionale a rendere tracciabile l’energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile e utilizzata dall’utente finale dotato di E-car per individuare e implementare - grazie alla leva dell’innovazione tecnologica - comportamenti virtuosi da incentivare con modalità premiante;

• notarizzazione dei dati afferenti ad un processo del GSE: un sistema per tenere traccia in modo trasparente dei processi interni del Gestore.

I due lotti del bando di gara se li sono aggiudicati quattro aziende: Kpmg, Accenture, Adamantic e Tyche.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google