Nextville - logo

News e articoli

21 gennaio 2020

Sismabonus anche per demolizione e ricostruzione

(Redazione Nextville)

Il Ministero dei trasporti ha aggiornato le modalità di asseverazione dell'efficacia degli interventi che hanno accesso alle detrazioni fiscali per la riduzione del rischio sismico.

Ci riferiamo in particolare al Dm n. 58/2017, di recente modificato dal Dm 24/2020. Tra le novità di maggior rilievo segnaliamo:

• la conferma relativa alla possibilità di usufurire del Sismabonus anche per interventi di demolizione e costruzione. Chiarimenti in merito li aveva già dati l'Agenzia delle entrate con la Risoluzione 27 aprile 2018, n. 34/E. Per dare valore di legge a questa indicazione, il Ministero dei trasporti ha modificato il comma 3, articolo 3 del Dm 58/2017, indicando espressamente il permesso di costruire tra i titoli abilitativi cui allegare le asseverazioni utili per accedere alla detrazione;

• le modifiche alla modalità di presentazione del progetto degli interventi e dell'asseverazione: secondo le nuove disposizioni essi devono essere presentati "tempestivamente e comunque prima dell'inizio dei lavori", presso lo Sportello Unico. Ance fa notare che questa precisazione ha lo scopo di "superare le criticità riscontrate dagli operatori, in particolare in presenza di interventi di demolizione e ricostruzione. In tali casi, infatti, dal punto di vista procedurale e, più in particolare, in termini di titolo abilitativo edilizio e di presentazione della documentazione, occorre rispettare le differenti normative e regolamentazioni regionali che non sempre sono in linea con quanto disposto, a livello nazionale, dal Dm 58/2017".

Le altre modifiche riguardano l'aggiornamento del modello di asseverazione (Allegato B), che ora riporta anche gli interventi di demolizione e ricostruzione inizialmente non previsti, e la correzione di alcuni refusi nelle Linee guida (Allegato A).

Annunci Google