Nextville - logo

News e articoli

25 Giugno 2020

Moduli FV non certificati, GSE proroga il termine per la 'sanatoria'

(Redazione Nextville)

Il GSE ha prorogato - al 31 agosto 2020 - il termine ultimo entro cui poter presentare le istanze per la revisione delle tariffe incentivanti in Conto energia, nel caso di impianti dotati di moduli non certificati (o con certificazione non conforme).

Ricordiamo che la legge 2 novembre 2019, n. 128, di conversione del Dl 3 settembre 2019, n. 101, aveva ridotto le decurtazioni tariffarie applicabili dal GSE in caso di violazioni riguardo la conformità dei moduli.

Tale riduzione si applica anche agli impianti fotovoltaici per i quali erano state precedentemente già riconosciute le decurtazioni tariffarie, nella misura del 30% (per gli impianti tra 1 e 3 kW) o del 20% (per gli impianti sopra i 3 kW), secondo quanto previsto dalle previgenti disposizioni normative.

Ora la nuova percentuale di decurtazione è del 10% per gli impianti fotovoltaici di qualsiasi taglia. Per gli impianti sopra i 3 kW, la decurtazione è ulteriormente dimezzata (pari quindi al 5%) qualora la mancanza di certificazione o la mancata rispondenza della certificazione alla normativa di riferimento sia dichiarata dal soggetto beneficiario, al di fuori di un procedimento di verifica o controllo.

Ai fini del riconoscimento dell'aggiornamento della percentuale di decurtazione della tariffa incentivante, i soggetti responsabili devono inviare entro il 31 agosto 2020 (anzichè entro il 30 giugno) una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, utilizzando la modulistica predisposta dal GSE.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google